7 dicembre 2016

MotoGP, Le Mans: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 10: Terzo in griglia, martello pneumatico in gara, imperatore di Le Mans alla bandiera a scacchi. Sin dallo spegnimento del semaforo il maiorchino ha impresso un ritmo gara inavvicinabile, che gli ha permesso di agguantare il secondo successo stagionale, la seconda posizione in classifica generale. Quando il compagno di squadra ha cercato di portarsi sotto la sua ruota posteriore, Jorge ha trasformato la sua M1 in una meravigliosa silfide; l’elegante danza tra i cordoli è stata pura poesia per gli appassionati. Maravilloso!

VALENTINO ROSSI 8,5: Dopo due giorni ed un Warm Up in ombra, dopo il via riaccende la luce. L’animale da gara ha sbranato tutti tranne chi ha guidato la stessa moto e scelto le stesse mescole per gli pneumatici. Cerca di infastidire il teammate ma ha beccato paga. Risultato che gli consente di approdare al Mugello con il primato in classifica. Quasi bravo!

ANDREA DESMODOVI 7,5: L’ultimo gradino, quello che trasforma un campione in fuoriclasse sembra il più basso, ma è il più difficile da salire. Anche questa volta il Dovi, a mio parere, si è “accontentato” d’essere un campione. Certo il podio, se si pensa a dov’era la Ducati l’anno scorso, è cosa buona e giusta. La mia critica, però, è solo un modo per spronarlo a superare l’ultimo gradino; possiede tutto ciò che occorre per farlo. Forza!

MARC MARQUEZ 7: Dalla pole alla medaglia di legno; il fine settimana di Le Mans per il campione del mondo in carica non è stato positivo. Ha lottato con una moto chiaramente in difficoltà ed ha mostrato un pizzico di nervosismo che l’ha spinto all’errore più volte. Bello il duello vinto con Iannone; i due si sono sorpassati più volte in situazioni a dir poco al limite, che hanno entusiasmato molto, moltissimo. Un risultato, però, non all’altezza di quanto fatto negli anni precedenti e di chi vuol fare tris con l’iride. In difficoltà!

ANDREA DESMOIAN 7: Il dolore alla spalla c’è stato ma l’adrenalina e la grinta gli hanno permesso di andare oltre ed essere tra i protagonisti della corsa. Stoico!

YAMAHA: Agile, veloce, insomma perfetta. Su cinque gare quattro portano il marchio dei tre diapason…..

DUCATI: I piccoli e continui affinamenti hanno portato la casa italiana ad essere la seconda forza del mondiale. Visto che accelerazione?

HONDA: Sarà perché a Tokyo si saranno cullati sugli allori degli ultimi anni, sarà perché certe trattative sulle forniture di motori sottraggono risorse mentali, vuoi perché gli avversari sono diventati più bravi, l’ala dorata fatica a volare….

SUZUKI: Al traguardo la prima moto di Hamamatsu becca oltre 40 secondi…..

APRILIA: Conquista un punto con Bautista, ma sarebbe bello se fosse più competitiva.…. 

TELECRONACA: Buona nonostante l’amnesia sui distacchi tra chi insegue e chi fugge, di solito il pezzo forte del duo Meda-Capirossi.

GARA: Noiosetta….

SPIEGATEMI: Continuo a non capire come si possa girare in gara un secondo più veloce dei tempi fatti registrare durante le Fp1, Fp2 e Fp3, e di mezzo secondo rispetto a quanto fatto segnare nel Warm Up. Come è possibile che cinque sessioni di prove e qualifiche vengano sconfessate allo spegnimento del semaforo grazie ad un setting uscito fuori dal caso. Non comprendo anche come certi cambi improvvisati e mai provati si rivelino sempre vincenti. L’all-in nel poker fa saltare il banco raramente, non sempre. Gli ingegneri ed i tecnici a cosa servono, allora, se tutto, compreso il record della pista, dipende dall’affidarsi al setting del fato? Spiegatemi, infine, come una firma sia in grado di trasformare uno che fino all’altro ieri veniva dato per bollito psicologicamente, in magnifico cavaliere? Ponendo questi quesiti, in molti mi daranno, utilizzo un eufemismo, del malizioso. Da uomo del dubbio, per soddisfare le mie curiosità, preferisco correre questo rischio……

Foto: fonte motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.