8 dicembre 2016

I conti non tornano

Le scelte di Renzi seguono il corso delle poli­ti­che euro­pee all’insegna di auste­rità e neo­li­be­ri­smo. Quat­tro sono i pila­stri (ben evi­denti nel Def e nella legge di sta­bi­lità) di que­ste poli­ti­che ita­liane ed euro­pee: le pri­va­tiz­za­zioni, la pre­ca­riz­za­zione del mer­cato di lavoro, il soste­gno agli inve­sti­menti pri­vati (con l’assenza degli inter­venti pub­blici) e la ridu­zione della spesa pubblica.

I quat­tro contro-pilastri di una poli­tica di sini­stra dovreb­bero essere, all’opposto: la difesa e la valo­riz­za­zione dei beni comuni e del patri­mo­nio pub­blico; un piano del lavoro fon­dato sulla dignità ed i diritti delle per­sone; il ruolo dell’intervento e degli inve­sti­menti pub­blici; la difesa del wel­fare e dei diritti. E insieme a que­sti, una poli­tica di redi­stri­bu­zione del red­dito fon­data su una poli­tica di giu­sti­zia e pro­gres­si­vità fiscale.

Le poli­ti­che euro­pee — oltre ad essere pro­fon­da­mente sba­gliate– non hanno fun­zio­nato e non stanno fun­zio­nando: dall’inizio della crisi la disoc­cu­pa­zione è aumen­tata media­mente di 5 punti ed il debito pub­blico nell’eurozona è pas­sato dal 65% al 95% sul Pil. Cre­scita non ce n’è, stiamo sem­pre ai con­fini della defla­zione, l’occupazione resta al palo. L’austerità non è la solu­zione, è il problema.

Le poli­ti­che ita­liane hanno seguito l’onda euro­pea e anche que­ste non hanno fun­zio­nato: la disoc­cu­pa­zione è arri­vata ad oltre il 12%, la capa­cità pro­dut­tiva del paese è calata del 25% dall’inizio della crisi i poveri sono diven­tati oltre 6 milioni di poveri.

Nel frat­tempo Renzi ha dato tutto quello che poteva dare alla Con­fin­du­stria (abro­ga­zione dell’articolo 18, ridu­zione dell’Irap, sgravi fiscali, ecc.), ha can­cel­lato i diritti dei lavo­ra­tori e ridotto sel­vag­gia­mente la spesa sociale.

Le strade da seguire? Né Jobs Act, né Sblocca Italia né Buona Scuola

Altre sono le strade che andreb­bero seguite. Non abbiamo biso­gno del Jobs Act (a favore delle imprese e della pos­si­bi­lità di licen­ziare), ma –come pro­pone Sbi­lan­cia­moci– di un Wor­kers Act, fon­dato sui diritti dei lavo­ra­tori e della buona occu­pa­zione. Non abbiamo biso­gno dello Sblocca Ita­lia (a favore dei petro­lieri e dei con­ces­sio­nari di auto­strade), ma di un vero Green Act, come sosten­gono le asso­cia­zioni ambien­ta­li­ste. Non abbiamo biso­gno della Cat­tiva Scuola (che dà soldi alle scuole pri­vate e tra­sforma i pre­sidi in datori di lavoro) ma della rige­ne­ra­zione della scuola pub­blica, come chie­dono le cen­ti­naia di migliaia di stu­denti ed inse­gnanti scesi in piazza lo scorso 5 maggio.

Sono tre le mosse imme­diate– nei pros­simi sei mesi– per un «pro­gramma minimo» per uscire dalla crisi.

1) Rimet­tere in discus­sione i vin­coli dei trat­tati euro­pei, libe­rando risorse pub­bli­che per gli inve­sti­menti (pub­blici). Por­tando il rap­porto deficit-pil al 4% –come in Fran­cia– si pos­sono recu­pe­rare almeno 20–25 miliardi da desti­nare ad un piano del lavoro fon­dato sugli inve­sti­menti pub­blici, le «pic­cole opere» (lotta al dis­se­sto idro­geo­lo­gico, messa in sicu­rezza delle scuole) e un Green New Deal capace di ali­men­tare nuove pro­du­zioni e con­sumi. Si tratta di una scelta anche di carat­tere stra­te­gico: biso­gna uscire dalla crisi in un modo diverso da quello con cui ci si è entrati, cam­biando il modello di sviluppo.

2) Inve­stire nella scuola, nella ricerca e nell’innovazione e nel wel­fare –por­tando gli stan­zia­menti alla media dei paesi dell’Unione Euro­pea– rispet­tando gli impe­gni presi con la stra­te­gia «Europa 2020». Senza inve­sti­menti cor­posi in que­sta dire­zione, non solo ven­gono meno i diritti sociali, ma anche la capa­cità di darsi una eco­no­mia di qua­lità. Vanno stan­ziati almeno 5 miliardi di euro che si potreb­bero recu­pe­rare tagliando del 20% la spesa mili­tare, can­cel­lando gli F35 e fer­mando la folle impresa delle grandi opere, Tav innanzitutto.

3) Serve un piano di lotta all’evasione e di misure per la giu­sti­zia fiscale fina­liz­zato alla lotta alla povertà. Una pic­cola patri­mo­niale del 5 per 1000 sulle ric­chezze finan­zia­rie sopra il milione di euro e una auten­tica Tobin Tax (che col­pi­sca tutti i pro­dotti e le tran­sa­zioni finan­zia­rie) potreb­bero pro­durre 10 miliardi di get­tito che andreb­bero desti­nati a soste­nere i red­diti e le pen­sioni più basse. In que­sto con­te­sto andreb­bero costruite le fon­da­menta per l’introduzione di un red­dito di cit­ta­di­nanza universale

I soldi per que­ste tre alter­na­tive ci sono. Quella che manca è una visione poli­tica orien­tata al supe­ra­mento del para­digma dell’austerità, del modello neo­li­be­ri­sta e –nello stesso tempo– la capa­cità (o la volontà) di libe­rarsi da un gro­vi­glio di inte­ressi subal­terno ai mer­cati finan­ziari, alle grandi imprese, alle ren­dite di posi­zione e mono­po­li­ste delle cor­po­ra­zioni di varia provenienza.

Si tratta di costruire allora le gambe di que­ste pro­po­ste alter­na­tive nella mobi­li­ta­zione sociale di tutti i giorni, attra­verso un’alleanza tra movi­menti, buona poli­tica, pro­te­sta sociale per «cam­biare rotta» ad un paese che –con le poli­ti­che di Renzi– rischia di essere con­dan­nato alle dise­gua­glianze, alla pre­ca­rietà e alla vit­to­ria degli inte­ressi di pochi. L’esito non è scon­tato, ma cam­biare si può.

fonte  il manifesto

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.