5 dicembre 2016

Ladispoli – M5S: “Raccolta differenziata, Ultimi patimenti?”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

E’ veramente sconsolante sapere che nel nostro comune ancora non è dato conoscere il giorno esatto in cui comincerà l’ultima, ma anche più importante, fase dell’estensione del porta a porta.

I motivi sono facilmente intuibili: questa amministrazione non ha mai creduto in questo progetto!

In tutti questi anni comunicazione e trasparenza sono stati assenti nella gestione di questo servizio così importante, ugualmente assente l’impegno politico, che in gergo si rappresenta con l’espressione “metterci la faccia”. Nessun nostro rappresentante ha voluto prendere in mano questo servizio che consideravano una patata bollente, mollandola ad un semplice delegato che, sebbene sia un ottima persona, rimane comunque esterno all’entourage dei politici locali… probabilmente preferiscono presenziare di più le sagre e le feste che gli incontri con cittadini ed attività produttive.

A proposito di queste ultime è doverosa una considerazione di fondo: sono state trattate letteralmente a pesci in faccia!

La prima botta è stata data con le cartelle TARI. Un salasso per molte attività ma che sembrava chiudere il discorso della raccolta: ti pago (tanto) e tu ritiri (tutto)…e invece no! Dopo mesi arriva la scoperta che queste utenze non domestiche devono preoccuparsi di trovare (e pagare) chi effettui il ritiro dei loro rifiuti. Da qui in poi succede il caos: sollevazioni, raccolta firme, minacce di tumulti popolari e in tutto questo l’amministrazione cosa fa? Comincia a intavolare una specie di trattativa privata con vari rappresentanti di associazioni di categoria e anche singoli utenti generando una ridda di voci contrastanti circa la percentuale di riduzione della Tari a chi effettua lo smaltimento per conto proprio e solo da qualche settimana sono apparse sul sito le modalità per ottenere questi sconti.

In buona sostanza parliamo di un binomio terribile: mancanza di organizzazione e di comunicazione.

Lo scorso fine settimana la ditta Massimi era presente in piazza per distribuire i kit della RD, peccato che a chi ritirava il cestello per l’umido non veniva consegnato anche il rotolo di buste compostabili…il Comune ancora non aveva provveduto al loro acquisto!

E la comunicazione? Secondo noi avrebbero dovuto essere investite più risorse non solo su COME si fa la raccolta differenziata ma anche sul PERCHE’ è giusto farla. Questa doveva essere una buona occasione per parlare con la cittadinanza di ambiente e della sua tutela, riprendere il colloquio con i cittadini e le associazioni che li rappresentano.

Tutto questo non è avvenuto, la “faccia” non è stata messa, e non basta una piccola intervista comparsa via Web o quattro incontri istituzionali pubblicizzati con lettere che, nella maggior parte dei casi, si sono confuse con la pubblicità (vedi foto). La scusa dei soldi che non ci sono non regge e a tal proposito suggeriamo una soluzione a basso costo e grande impatto: due grandi striscioni all’ingresso della città che dicano, con orgoglio e non con timore, che da giorno XX comincia la Raccolta Differenziata PaP in TUTTA la città…ammesso che sappiate QUANDO comincia.

[/quote]

Così in una nota il Movimento 5 Stelle di Ladispoli.