3 dicembre 2016

Ladispoli – Alberghiero, la piccola grande Expo, con la rassegna “Dolce e speziato”

 

È giunta ormai alla quarta edizione una delle iniziative di punta dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli: “Dolce e Speziato”. La rassegna di alta gastronomia animata da conferenze, dibattiti, incontri con chef stellati e massimi esperti del settore si è tenuta l’11 e 12 maggio presso le sale e i laboratori di cucina del plesso di via Federici. Organizzatore e regista d’eccellenza della manifestazione, il prof. Francesco Riili, docente e Responsabile Eventi della scuola. Attuare tutte le possibili sinergie con il mondo produttivo, favorire in forme sempre nuove e diverse l’incontro fra studenti e operatori del settore, valorizzare le tipicità e i caratteri distintivi del territorio: questi gli obiettivi ad alto valore aggiunto dell’iniziativa, che vuole proporsi come esempio concreto di raccordo tra il sistema formativo e quello delle imprese.

Rappresentanti di noti brand nazionali e internazionali, ma anche di marchi locali frutto del talento e della passione per la propria terra si sono alternati nei dibattiti e fra i banchi di lavoro dei laboratori di cucina. Ristoratori, direttori di grandi alberghi, manager di punta delle imprese appartenenti alla filiera enogastronomica: tutti insieme per favorire il successo di una “buona scuola”, che all’Alberghiero di Ladispoli esiste da sempre. Nell’Istituto di via Federici, le iniziative e le esperienze di best practice formativa fanno parte ormai di una tradizione consolidata, che ha puntato sin dalla sua nascita alla creazione di reti e sinergie con il contesto economico, professionale, sociale e culturale in cui la scuola opera.

Know-how del mondo dell’istruzione più conoscenze e competenze delle realtà produttive di eccellenza del Paese: la somma di questi addendi rappresenta il mix strategico sul quale da decenni si misurano l’affermazione e il successo dell’Alberghiero di Ladispoli. Entusiasta dei risultati raggiunti, il prof. Francesco Riili, mentore dell’iniziativa e animatore da sempre di una pratica scolastica orientata al territorio e al mondo del lavoro. Convinto che la scuola in generale e un Istituto professionale in particolare debbano proporsi come “sistemi aperti” in continua interazione con l’ambiente, il contesto e gli altri sistemi sociali e culturali, il professor Riili commenta così la conclusione dei lavori: “Siamo arrivati con successo alla quarta edizione della rassegna e il nostro Istituto è orgoglioso di aver ospitato i più grandi marchi della filiera enogastronomica. La soddisfazione maggiore deriva dall’aver fatto incontrare esperti del settore, docenti e studenti: un’occasione unica e una vetrina per dimostrare la qualità del nostro lavoro e della Scuola Alberghiera in cui operiamo. Un ringraziamento speciale a tutti gli intervenuti. Quest’anno abbiamo avuto anche l’onore di ottenere il logo dall’Azienda Grana Padano, grazie alla collaborazione quasi decennale che la lega al nostro Istituto”.

“Ci stiamo impegnando da Settembre per questo progetto – precisa la Vicepreside, prof.ssa Lucia Lolli –. Tutto a costo zero, guidati solo dalla buona volontà, dalla tenacia, dalla capacità organizzativa e dall’entusiasmo dei nostri docenti”. “Operiamo spesso in condizioni difficili – sottolinea Michele Limotta, docente dell’Istituto e Responsabile di Sala – . Ci mancano talvolta persino i compassi per il supporto dei tavoli, ma non ci fermiamo perché crediamo nella scuola e nel nostro lavoro”.

1A dare il benvenuto ai relatori è stata la Dirigente scolastica del plesso di via Federici, prof.ssa Vincenza La Rosa. Nel ringraziare le aziende intervenute, la Dirigente ha affermato: “Siamo emozionati nell’aprire queste giornate di studio, che consentiranno un potenziamento, un aggiornamento e un arricchimento delle conoscenze disciplinari dei nostri studenti. È il segno di una scuola che vuole evolversi, migliorarsi, qualificarsi e proporsi come punto di riferimento nel sistema formativo del settore alberghiero. Una “piccola-grande Expo”, che inauguriamo con orgoglio nell’Istituto di Ladispoli. Alimentare la curiosità, propiziare in ogni modo l’emozione del conoscere e il desiderio di apprendere: sono questi gli obiettivi che da sempre contraddistinguono la nostra scuola”.

Ad aprire la rassegna, davanti ad un pubblico di studenti attenti e preparatissimi, Sergio Spagnoli responsabile dell’azienda Wiberg per il Centro-Sud, il quale ha descritto la mission e la storia della pluripremiata multinazionale austriaca presente con filiali in 8 Paesi e specializzata nella lavorazione e commercializzazione di spezie. È stata poi la volta di Alessandro Cortellesi, regional manager della Demetra di Sondrio, quindi di Catia Minghi dell’azienda vitivinicola La Rasenna di Ladispoli, Fabio Lorenzoni della Surgital di Ravenna, Milena Passacantando di Delifrance e Roberto Zanobi della Formasal. A seguire, oltre 35 ristoratori del litorale.

Minimo comune denominatore di tutte le aziende presenti, piccole e grandi, locali e internazionali, è la nuova parola d’ordine e forza motrice della cultura gastronomica italiana: si chiama “gastrosofia” e vuol dire mettere la propria conoscenza e competenza al servizio della qualità del cibo e dell’arte del mangiare. Creare forme sempre diverse di incontro fra la tradizione e l’innovazione, valorizzare le specificità dei territori aprendoli ai mercati globali, lasciarsi guidare dalla passione per la ricerca dell’eccellenza: questi gli obiettivi delle realtà produttive che si sono presentate all’Alberghiero di Ladispoli, accendendo l’entusiasmo degli allievi.

Ospite d’eccezione di quest’anno la Dott.ssa Elisabetta Davoli, Dirigente MIUR della Direzione Generale per la politica finanziaria e per il bilancio: “Vedere una scuola come la vostra – ha affermato la Dott.ssa Davoli – che non solo riesce ad offrire una formazione di alto livello, ma anche a favorire un’integrazione con il territorio è una soddisfazione enorme. Gli stessi ragazzi che hanno seguito questa formazione e che poi, mettendosi in gioco, sono diventati imprenditori nella loro città rappresentano un esempio da imitare non solo per Ladispoli, ma per l’intero Paese italiano”.

La colazione di lavoro che ha concluso la rassegna è stata preparata interamente con prodotti offerti dalle Aziende ospiti e grazie alla collaborazione degli studenti delle classi quinte partecipanti alla manifestazione, guidati dagli chef delle imprese intervenute e dai docenti di Cucina dell’Alberghiero di via Federici: Luciano Cucullo, Bruna Vidotto, Valentina Feriozzi. Responsabili di Sala Michele Limotta, Michele Comito, Cosimo Brisci e Giuseppe Alterio. Responsabili di Ricevimento la prof.ssa Giovanna Albanese e il prof. Renato D’Aloia, che hanno coordinato i loro studenti nell’impeccabile accoglienza degli ospiti. Un grazie anche a Gianluca Varchetta della “Gima Abbigliamento Professionale” e alla “Garden House” dei Fratelli Guernaccini, noto vivaio di Ladispoli che ha curato l’addobbo floreale delle sale.

Appuntamento all’Alberghiero di via Federici per la prossima edizione di “Dolce e Speziato”.

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it