2 dicembre 2016

La passione per la velocità di casa Montella: da Gennaro a Luigi

Il voler sfidare al cronometro, il desiderio di danzare tra i cordoli, la determinazione di chi vuol primeggiare, il più delle volte, sono caratteristiche che si trasmettono geneticamente di padre in figlio. Uno di questi casi è quello della famiglia Montella, dove Luigi ha ereditato dal padre Gennaro i cromosomi di chi vede nel motociclismo più di una semplice passione.

Il padre è uno dei tecnici più apprezzati del panorama nazionale nell’elaborazione dei motori due tempi. Il figlio, classe 1998, da dieci anni esprime il suo stile in pista e quest’anno ha scelto di cimentarsi nella difficile sfida della 125 Sport 2T del Civ: “E’ – racconta Luigi – dal 2006 che il fine settimana per me significa la cosa che più amo fare, ossia andare in moto. Ho iniziato a muovere i primi passi con le minimoto e nel 2008 ho vinto, grazie a 5 successi su 6 prove, gli Assoluti d’Italia. L’anno dopo ho gareggiato nella Mini GpJ50 con una Honda 4 tempi. Nel 2010, poi, sono stato pilota ufficiale della motori Seven di Cesena ed ho conquistato un secondo posto finale. Nel 2011, sempre con la Seven, ho corso con la S70 2 tempi, con buoni risultati. Oggi cavalco un’Aprilia Rs 125 e partecipo come rider privato al Campionato Italiano Velocità”.

Gennaro è l’ombra tecnica che segue i passi di Luigi nel box: “Grazie – dice Montella Junior ai sacrifici i miei sogni sono realtà. Lui cura ogni aspetto tecnico, dalla ciclistica al motore; non abbiamo sponsor alle spalle e davvero si può dire che il nostro è un team familiare. Negli ultimi tre anni siamo stati lontani dalle gare e per questo c’è un po’ di ruggine da togliere; scherzosamente posso dire che siamo di nuovo in rodaggio. In vista di questa stagione mi sono allenato sulle piste di Limatola ed Airola. Purtroppo nella gara d’esordio di Misano un inconveniente tecnico mi ha rallentato. Cose simili nel mondo delle gare accadono e l’unica cosa da fare è quella di concentrarsi sul round successivo. A Vallelunga sarà di nuovo una lotta contro il cronometro e gli altri piloti; battaglia che voglio far mia”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.