3 dicembre 2016

Frosinone – Continua l’operazione “Baby Pusher”, sequestri per oltre un milione di euro

Nel corso della mattinata di ieri, a Frosinone, i militari del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo, in esecuzione del provvedimento di sottoposizione alla Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno e di sequestro/confisca di beni patrimoniali emesso dal Tribunale di Frosinone – Sezione misure di prevenzione nell’aprile scorso nei confronti di quattro soggetti di etnia rom di questo centro, hanno sequestrato beni mobili ed immobili, consistenti in abitazioni, terreni, veicoli, conti correnti bancari e postali, polizze pegno e cassette di sicurezza, per un valore complessivo di circa 1.000.000 (un milione) di euro.

Il provvedimento scaturisce dall’attività di indagine denominata “Baby Pusher”, avviata nel 2011 dalle forze dell’ordine, coordinata dalla DDA di Roma e dalla locale Procura della Repubblica, che consentiva di acquisire validi elementi probatori a carico di 22 indagati, tra cui i quattro colpiti dal provvedimento, ritenuti appartenenti ad un sodalizio criminale dedito alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente cocaina, fornita da soggetti sempre di etnia rom residenti a Roma, che garantiva un giro di affari di circa 50.000,00 euro mensili.

Tale provvedimento segue quello analogo effettuato sempre dal Nucleo Investigativo nel novembre 2014 nei confronti di altri due soggetti di etnia rom conclusosi con il sequestro di beni mobili ed immobili per un valore complessivo di 600.000 euro.