9 dicembre 2016

Fiumicino – ADR: “Riaperto il T3, piena operatività tra una settimana.”

 

Nelle prime ore di questa mattina è stato riaperto il Terminal 3 interessato dall’incendio sprigionatosi ieri all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino.

Squadre di 300 dipendenti di Aeroporti di Roma tra tecnici, addetti alle pulizie e alla manutenzione hanno lavorato l’intera notte per renderlo operativo fin dalle prime ore del mattino. Nella Hall Partenze del Terminal sono tornati infatti ad operare regolarmente l’80% dei banchi check-in.. La task force di addetti di Aeroporti di Roma, formata da 400 persone, continua il presidio permanete di assistenza ai viaggiatori, distribuendo acqua e generi di conforto.

Tutto ciò è stato possibile in quanto la struttura interessata dall’evento ha riguardato solo l’area commerciale dopo i controlli di sicurezza.

Da questa mattina ha cominciato ad operare presso l’area interessata dall’incendio di ieri la società Belfor, leader mondiale per quanto riguarda il disaster recovery. La Belfor, i cui addetti lavoreranno 24 ore su 24, ha iniziato a bonificare e a ripristinare tutta la zona dove si sono sviluppate le fiamme e il conseguente fumo, partendo dalla riattivazione degli impianti di climatizzazione ed areazione. Si provvederà successivamente alla rimozione delle strutture bruciate. Tale intervento consentirà la riapertura ai passeggeri dell’area imbarco D del terminal 3 entro una settimana.

Il consigliere comunale Mauro Gonnelli, nel frattempo ha palesato preoccupazione per quanto riguarda l’occupazione e il lavoro per molti cittadini di Fiumicino e dintorni.

“L’incendio che ieri ha coinvolto l’hub internazionale di Fiumicino è l’ennesimo evento drammatico che rischia di pesare in maniera determinate sulla nostra comunità. Da una parte, spesso e volentieri, ci si lamenta della presenza ingombrante il Leonardo Da Vinci. Dall’altra questi eventi suonano come monito, ricordandoci quanto l’aeroporto sia fondamentale in termini occupazionali ed economici per la nostra comunità.

Di fronte a questo eventi non ci devono essere divisioni di parte e partito. Tutte le istituzioni hanno l’obbligo di concentrarsi per favorire la ricostruzione di quanto andato distrutto nel più breve tempo possibile. Non bisogna dimenticare che sono andati in fumo centinaia e centinaia di metri quadrati di attività commerciali che danno lavoro a decine di famiglie del nostro comune. Non è un caso infatti che già da oggi aziende che avevano programmato assunzioni stabili o stagionali abbiano bloccato l’iter per mancanza di strutture.

In ragione di ciò e considerata la drammaticità del momento economico e occupazionale, il mio invito, rivolto a tutti in particolare al sindaco Montino, è a non dividerci, a non concentrarci solo sulla ricerca del colpevole, ma porre in essere tutti quegli strumenti di dialogo istituzionale volti a risolvere nel più breve tempo una situazione drammatica. Questo per evitare un ulteriore colpo all’occupazione locale e giovanile.

Tutti dobbiamo avere un obiettivo comune oggi: la ricostruzione di quanto andato perso.”