3 dicembre 2016

Alitalia, ad ottobre molte famiglie locali si ritroveranno senza nessun sostegno al reddito

È necessario trovare una soluzione per chi nel 2008 fu messo in cassa integrazione dall’Alitalia e dalle società dell’indotto
“Nel 2008 – ha detto l’assessore Marco Pierini- migliaia di persone furono mandate a casa con la speranza di essere, tramite formazione, ricollocate nel mondo del lavoro. Ad oggi nulla è stato fatto per cercare una soluzione. Di errori ne sono stati fatti tanti, ora è arrivato il momento, di pensare a come aiutare queste famiglie.”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Proposte da supportare ce ne sono molte e non sono neanche nuove.

  • L’estensione del sostegno al reddito a carico totale dell’esistente FSTA (Fondo Speciale/Solidarietà Trasporto Aereo) per il personale aeroportuale posto in mobilità dal 2008.
  • L’Istituzione di bacini di riferimento con specifiche graduatorie per la formazione e ricollocazione ex lavoratori aeroportuali”.

Ma rimane comunque un punto: è obbligo della politica cercare soluzioni per gli ex dipendenti aeroportuali che, da anni, pagano una cattiva gestione derivata da un continuo cambio di governi e ministri. Occorre accellerare i lavori delle commissioni parlamentari che si occupano del problema ed esortare il PD a dare delle risposte concrete: dove c’è lavoro c’è anche pace sociale.

Ladispoli e il suo territorio vivono questa realtà. E’ necessario cambiare reimpiegando le conoscenze e le esperienze di chi ha lavorato una vita nel settore, solo così si può passare da spesa a carico dei cittadini italiani, a fonte di reddito nazionale. Sarebbe, ben più comprensibile agli occhi di tutti investire per ricreare impiego richiamando chi già ha lavorato utilizzando, in questo modo, le conoscenze già acquisite e reindirizzandole in maniera ottimale.

[/quote]