4 dicembre 2016

Rieti – Denunicato un dirigente pubblico per peculato

Direttore Generale, questa era la carica ricoperta da un noto dirigente pubblico reatino. Nei suoi confronti, i finanzieri della Compagnia Guardia di Finanza di Rieti avevano avviato mirate indagini che hanno portato al deferimento dello stesso alla locale Procura della Repubblica per il reato di peculato e culminate con alcune perquisizioni tutt’ora in corso. 

Era già da qualche tempo che risultavano dei considerevoli ammanchi di materiale in dotazione all’Ente. In particolare risultavano “sparite” numerose apparecchiature informatiche ed elettroniche, acquistate dal dirigente per conto dell’Ente stesso del quale ne era anche il massimo responsabile. L’attività svolta dalla Guardia di Finanza ha permesso di accertare che molti beni, quali ad esempio personal computer e software, pur essendo stati acquistati per soddisfare le esigenze di nuovi sportelli che di lì a poco sarebbero stati aperti al pubblico, sono stati invece impropriamente destinati alle private necessità dello stesso Direttore Generale dell’epoca.

In alcuni casi, invece, è stato acclarato che alcuni beni non erano funzionali all’attività istituzionale dell’Ente, ed erano stati acquistati – sempre con denaro pubblico – al fine di conseguire scopi estranei all’interesse della collettività. E’ il caso di molti costosi software, di cellulari e smarphone, nonché di un pregiato obiettivo fotografico che però non è apparso compatibile con nessuna macchina fotografica in dotazione agli uffici che erano diretti dall’indagato.

Il reato di peculato ipotizzato consiste nel sottrarre alla pubblica amministrazione quanto in proprio possesso, ponendolo sotto la propria o altrui disponibilità. La lotta all’illegalità nella Pubblica Amministrazione, nel costituire una priorità dell’azione di Governo, è quotidianamente recepita dalla Guardia di Finanza che, nel contrastare truffe, sprechi ed abusi, tende a favorire migliori servizi alla collettività, soprattutto in un periodo come questo ove la perdurante crisi mette in difficoltà le entrate dello Stato.