11 dicembre 2016

L’ultimo Spettacolo di Effe: al Teatro Manzoni di Roma l’ 11 maggio è di scena la beneficenza

L’11 maggio al Teatro Manzoni di Roma sarà di scena la grande beneficenza, grazie all’opera “L’ultimo Spettacolo di Effe”. La “Icio Onlus” riceverà l’incasso della serata, per continuare le sue opere di costruzioni di pozzi e scuole nel cuore dell’Africa.

locandina effettiva-R-AvaroBeneficenza teatrale che è fortemente voluta dall’attore Fabio Avaro: “Tutto – spiega – nasce nel 2006, quando, in occasione del mio trentaquattresimo compleanno, ebbi modo di fare una serata di beneficenza in favore dell’associazione Ostia per Africa. Da quella volta mi sono promesso che avrei trascorso ogni mio compleanno facendo del bene. Purtroppo, nel corso degli anni, non sempre è andata come avrei voluto. Quest’anno, grazie alla disponibilità del Teatro Manzoni, posso dare il mio piccolo contributo alla Ucio Onlus. Il presidente Maurizio De Romedis è un autore nonché comico, che si occupa delle problematiche dei bambini africani, in particolare del Kenya. La sua onlus è molto operativa e sarà un onore averlo lunedì sera sul palco per presentare le sue opere in Africa”.

L’ultimo Spettacolo di Effe prevede la partecipazione di altri bravi artisti: “– dice Fabio – ci sarà la Banda dell’Uku, composta da Fabrizio Sartini, Lucas Sgamas e Fabio Febra. Ci sarà anche la partecipazione del maestro Guido Voliani. L’opera narra di Effe, da me interpretato, personaggio che si è stancato di tutto e di tutti. Decide, così, di andarsene. Mentre, però, si accinge a farlo, incontra quattro musicisti, appena licenziati dal Teatro dell’Opera. Poi….beh se tenete a scoprire come finirà, venite in teatro l’11 maggio!”.

Beneficenza, un’azione importante: “Molti di noi – afferma Avaro – hanno tanto. Sarebbe auspicabile che una parte di ciò venisse destinato a chi, purtroppo, ha poco o nulla. Faccio beneficenza per egoismo, in quanto sto bene con me stesso quando ho modo di farla”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.