7 dicembre 2016

Anguillara – Sergio Manciuria, “Si per Anguillara”, attacca Stronati

Serve una buona dose di faccia di bronzo per rilasciare certe dichiarazioni, soprattutto alla luce dell’ennesimo fallimento della gestione politica della (dis)Giunta Pizzorno, all’indomani dell’esclusione dal Bando regionale Ambiente e Infrastrutture per l’efficientamento energetico della scuola media di San Francesco, di circa 1.800.000 euro (unmilioneottocentomila)”.

Lo dichiara Sergio Manciuria, capogruppo del Movimento “SI” per Anguillara,  dopo aver letto nella Determina Regionale n° G05255 del 29 Aprile 2015 la motivazione dell’esclusione e precisamente il mancato invio della documentazione nei termini (a mezzo posta certificata) .

Conosciamo bene – evidenzia Manciuria – gli sforzi dei nostri dipendenti e dirigenti  ai quali va il nostro plauso, per l’impegno che profondono quotidianamente nel loro lavoro nonostante le incapacità di una disamministrazione allo sbando, spesso inconcludente e priva di una regia gestionale politica seria e affidabile.

Siamo i primi ad essere felici dell’obiettivo raggiunto dall’Ufficio Ambiente per l’efficientamento energetico dell’asilo nido, ma altrettanto costernati per la serie interminabili di stupidaggini sostenute dall’Assessore Stronati” .

“Un anno dopo la nostra puntuale critica sulla negazione dei fondi per il bando Call for proposal documentata dalla Regione Lazio – rileva il consigliere –  il tramatore aspirante alla poltrona di Pizzorno infanga il nostro ruolo con menzogne degne del Re dei Bugiardi: Ulisse.

Certo non per astuzia ma solo per auto-referenziarsi – visto che scrive, pubblica e legge i comunicati in totale solitudine -, agli occhi della sinistra che, invece, lo segue sempre di meno”.

“Sarebbe stato sufficiente porgere le scuse alla cittadinanza e, magari con un pizzico di coraggio – incalza il capogruppo SI – assumersi tutte le responsabilità dell’esclusione iniziale pagando di tasca propria la parcella dell’avvocato incaricato dalla Disamministrazione per essere riammessi grazie al ricorso al Tar (vedi allegati). Ad oggi tali spese risultano a carico dei contribuenti di Anguillara ma sicuramente il guru della discomunicazione per smentirci, provvederà personalmente versando il corrispettivo nelle casse comunali “

“Il pesce puzza dalla testa e vista la serie infinita di errori e di omissioni del suo assessorato quale per ultimo quella del codice sulla raccolta differenziata a favore di un paese del frusinate conclude Manciuriaribadiamo fermamente quanto sostenuto e lo sfidiamo ad un confronto pubblico sulla vicenda dell’asilo nido e volendo anche sui retroscena del finanziamento andato in fumo della scuola media di San Francesco . Anguillara chiede solo una cosa per rinascere :  le dimissioni della peggior compagine politica della storia sabatina ”.

Riceviamo e pubblichiamo