9 dicembre 2016

La grinta di Gegè Sabatino

Gegè Sabatino è uno dei talenti napoletani della velocità più cristallini e nella sua carriera ancora non ha raccolto quanto davvero merita. Anche quest’anno è impegnato nella classe Supersport del Civ, nelle fila del Team Renzi di Roma, in sella ad una Kawasaki Ninja.

La sua carriera inizia nel 2000: “Grazie – ricorda Gegè – alla passione di mio padre ho gareggiato sulle minimoto fino al 2007. L’anno successivo ho affrontato le avventure della Sport Production e della Junior Gp. Nel biennio 2009-10 ho corso nella categoria Gp 125 con 2 wild card al Motomondiale 125. Sono seguiti tre anni di Stock 600 al Civ ed oggi c’è la sfida della Supersport con la voglia di vincerla. L’intento mio e della squadra è di essere protagonisti nella lotta al vertice”.

Pochi giorni fa a Misano si sono svolte le gare d’apertura della stagione 2015: “Sono – racconta – state due prove molto tirate. In griglia sono partito ottavo. In gara uno per i primi cinque giri sono riuscito a governare i piccoli problemi che provenivano dall’anteriore. Giro dopo giro, però, il problema si è amplificato e questo mi ha rallentato e al traguardo sono giunto ottavo. Un peccato, perché avevo fatto registrare il record della pista della Superstock, grazie al tempo 1.39,8. Allo spegnimento del semaforo di gara due ho commesso un errore è mi sono ritrovato in quattordicesima posizione. Grazie ad una moto messa a punto perfettamente, ho avuto modo di recuperare fino alla sesta posizione. Un folle di marcia, dovuto ad mio errore, mi ha fatto retrocedere al settimo piazzamento”.

Il 16 e il 17 maggio al Piero Taruffi di Vallelunga andranno in scena il terzo e quarto round: “Ho – svela Sabatino – buoni propositi perché negli ultimi due anni sul tracciato laziale sono sempre salito sul podio ed ho vinto una gara. La pista mi piace e grazie ad una Kawasaki resa performante dai tecnici capitanati da Stefano Renzi, mi aspetto di regalare il primo podio a questa meravigliosa squadra. Se anche questa volta avrò modo di dire la mia tra i cordoli è perché persone come Stefano, mio padre, Franco Desci, Davide e Ruggero Lombardi, la mia ragazza hanno deciso di scommettere sul mio talento. A loro va un forte grazie!”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.