6 dicembre 2016

Intervista a Valeria Ciarambino del Movimento 5 Stelle

Gli iscritti al Movimento Cinque Stelle hanno scelto Valeria Ciarambino come loro candidata alla presidenza della Regione Campania. Abbiamo avuto il piacere di intervistarla prima di una riunione a Pomigliano d’Arco ed abbiamo, così, scoperto una donna dalla grande passione, dal forte senso civico, dalle idee chiare ma soprattutto di una umiltà che al giorno d’oggi è merce rara in chi si occupa o vuol occuparsi della res publica.

Ecco le domande:

– Chi è Valeria Ciarambino?

Sono una donna che ha scelto di non vivere solo per se stessa e che lotta per ciò in cui crede, per i diritti che considera inalienabili. Il mio impegno comincia da un lungo percorso di volontariato in ambito missionario, che mi ha regalato la conoscenza della diversità culturale e la bellezza di impegnarmi insieme ad altri per un progetto di bene comune. Ho vissuto al nord, in Friuli, per alcuni anni: ricoprivo una posizione di prestigio con uno stipendio più che dignitoso, ma mi faceva rabbia sentire addosso quasi come fosse una colpa il fatto di essere campana, come se tutto quello che non funzionava nella nostra terra fosse solo colpa dei cittadini e quindi anche colpa mia. E allora ho rinunciato alla carriera e ho deciso di tornare e di darmi da fare per provare a cambiare le cose, per restituire alla mia gente la dignità che merita”.

– Come ti sei avvicinata al M5S?

Ho iniziato come attivista in diversi comitati civici della mia città, Pomigliano d’Arco: nel comitato nato in difesa del nostro parco pubblico ho conosciuto gli attivisti del Movimento 5 Stelle, coloro che sarebbero diventati poi miei compagni e fratelli di battaglie per il bene comune, tra cui Luigi Di Maio”.

 – Qual è stato liter che ti ha portato ad essere la candidata alla presidenza della Regione Campania?

Prima di aderire al Movimento 5 Stelle e di metterci la faccia ho voluto capire bene, poi mi sono accorta che c’era piena sintonia con i miei valori. Per il M5S come per me, infatti, la politica non è un mestiere, è invece il servizio più alto che un uomo e una donna possano fare al loro popolo. La mia candidatura è stata semplicemente la conseguenza di un lungo percorso di attivismo e di impegno vissuto sul mio territorio. Nel M5S i candidati sono semplici cittadini e non professionisti della politica, scelti da altri cittadini attraverso un metodo trasparente e partecipato. Così è stato per me e per tutti i candidati al consiglio regionale: già a metà gennaio, attraverso due votazioni sul blog, a cui hanno partecipato migliaia di cittadini (e senza dover spendere 2 euro!!), sono stati scelti prima i candidati consiglieri e poi il candidato presidente sulla base dei curriculum, di video di presentazione e di alcuni incontri in cui ci siamo sottoposti alle tante domande dei presenti. Potrete ben cogliere la differenza abissale che c’è con tutti gli altri schieramenti politici in corsa per le regionali in Campania, che nelle ultime settimane hanno dato vita a un vero e proprio “mercato delle vacche” delle alleanze, imbarcando indagati, condannati, cariatidi della politica responsabili dello sfacelo della Campania, con salti della poltrona da destra a sinistra e viceversa all’ultimo minuto: solo giochi di poltrone e di potere, come se la cosa pubblica fosse cosa loro, e nessun interesse per i cittadini e per le loro esigenze reali. Noi siamo tutti incensurati e neppure indagati, e questa è la prima regola che ci diamo come M5S, ritenendo che nelle istituzioni debbano entrare persone irreprensibili e libere”.

  • In che stato versa la Campania e che giudizio dai a Caldoro?Questa non è la Campania, questa è una terra desolata, senza lavoro né futuro, con servizi sanitari pietosi, una terra messa in ginocchio dalle gestioni politiche che si sono succedute, non ultima la gestione Caldoro, che invece di amministrare a favore dei cittadini ha considerato anche i servizi essenziali come un costo, limitandosi a tagliare per far quadrare i conti come un vero ragioniere, senza dare valore alle eccellenze e ai cittadini della nostra terra. La Campania che abbiamo in mente è tutta un’altra cosa: è la terra dei primati che era e che deve tornare ad essere. Bisogna immaginare e costruire un futuro nuovo, che consenta ai giovani di restare qui: bisogna tutelare il lavoro che c’è già e lottare perché non devastino e non ci scippino più le nostre eccellenze industriali e produttive: penso alla ex Indesit di Carinaro, ad Alenia Capodichino, ad Ansaldo, a Firema, a Fincantieri su cui cominciano a girare voci preoccupanti e a tante altre realtà oramai in ginocchio. E insieme bisogna creare uno sviluppo sostenibile, che rilanci la Campania: nuove opportunità di lavoro dal turismo, mettendo insieme l’archeologia, la cultura, il mare, la natura, l’enogastronomia; dalla tutela delle eccellenze agroalimentari ed artigianali: in Campania, e non solo in Campania, si deve mangiare campano, perché ce lo possiamo permettere, abbiamo in mente di realizzare qui una “Food Valley” da lanciare nel mondo; dal sostegno all’agricoltura e alle PMI, offrendo supporto tecnico, sgravi fiscali, opportunità per i giovani. Priorità sono poi i servizi essenziali: una sanità che funzioni davvero e che non consenta mai più alla politica, attraverso il taglio dei fondi, di causare la morte di un paziente in un corridoio dell’ospedale Cardarelli di Napoli, per mancanza di posti letto; una mobilità che consenta ai cittadini e agli studenti di raggiungere in tempi certi il posto di lavoro o la scuola, viaggiando in condizioni dignitose; poi maggiori servizi per i disabili, sì proprio quei disabili ai quali Caldoro ha tolto i posti in semiconvitto solo per esigenze di cassa”. 
  • Quali sono i punti del programma?Il nostro programma è molto articolato ed è stato scritto insieme a cittadini, ad esperti e agli operatori dei diversi settori. Appena entreremo in Regione Campania la nostra priorità sarà il reddito di cittadinanza regionale, un sostegno economico sicuro per i cittadini che non hanno un reddito o che hanno un reddito troppo basso per poter vivere dignitosamente, accompagnandoli nella ricerca di un nuovo lavoro; realizzeremo poi un RC auto in convenzione regionale per l’abbattimento del premio assicurativo, in una regione che detiene il record per i costi dei premi; realizzeremo un piano di riduzione degli sprechi e dei costi della politica, che ci consentirà di recuperare 200 mln in 5 anni da investire in servizi ai cittadini: dimezzamento degli stipendi di Consiglio e Giunta regionale, tetto agli stipendi dei dirigenti pubblici, eliminazione dei vitalizi, degli affitti milionari della Regione, messa a rendita dei terreni regionali, taglio del 70% delle consulenze esterne, facendo lavorare le professionalità interne alla Regione e alle università, taglio di 740 auto blu, noi viaggiamo sui mezzi pubblici come i cittadini normali, perché noi siamo cittadini normali; aboliremo il ticket sanitario e renderemo efficace la rete dei pronto soccorso con visite specialistiche veloci, oggi invece prima si muore e dopo si va a visita; daremo supporto alla filiera agroalimentare campana; creeremo il distretto del riciclo, che consente di recuperare la materia delle eco balle e scongiura la costruzione di nuovi inceneritori; attueremo nuove politiche ambientali, riqualificando con energie rinnovabili il patrimonio edilizio pubblico ed offrendo eco bonus ed eco prestiti per la riqualificazione energetica di quello privato; il trasporto sarà gratuito per gli studenti e l’acqua tornerà pubblica, si mettano l’anima in pace gli amici di Caldoro; Installeremo sistemi di videosorveglianza contro i roghi e gli sversamenti dei rifiuti nelle aree a rischio della regione, attuando inoltre un severo monitoraggio delle aziende sommerse, responsabili degli sversamenti di rifiuti tossici e realizzando le bonifiche che questa regione attende da decenni; avremo finalmente il registro online degli appalti pubblici e dei subappalti, dove chiunque potrà verificare la regolarità degli appalti e l’onestà e la trasparenza degli amministratori pubblici, che oltretutto non saranno più nominati dalla politica, ma secondo criteri meritocratici e bandi pubblici, nelle partecipate, come nella sanità. Ma c’è tanto altro ancora nel programma, vi invito a leggerlo sul sito www.valeriaciarambino.it”.
  • De Luca: nel Pd ci sono più indagati che candidati?De Luca chi, il condannato che si mette al di sopra della legge? In quale paese al mondo si candida un condannato a governare una regione? Un condannato che il secondo dopo la sua eventuale elezione decadrebbe per effetto della legge Severino. Il PD ormai deve iniziare a contare gli incensurati, perché ne sono rimasti davvero pochi. Tutti gli altri sono passati attraverso le maglie della giustizia e sono stati coinvolti negli scandali di corruzione piccoli e grandi che funestano il nostro Paese. E le liste dei candidati campani, di destra o di sinistra, anche se si tratta di una distinzione solo nominale oramai, sono l’esatta rappresentazione del degrado nazionale in cui versa la politica. E’ tempo di portare aria nuova e pulita nelle istituzioni. I cittadini non ne possono più!”.

Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.