6 dicembre 2016

Monterotondo – Riaffermare il valore della pace, sabato 9 maggio cittadini in piazza

 

Ribadire la profonda adesione della comunità cittadina al valore universale della Pace e lanciare un segnale affinché altre realtà locali facciano lo stesso. Con queste motivazioni l’Amministrazione comunale di Monterotondo, in collaborazione con la Fondazione “Angelo Frammartino” e con l’Anpi territoriale e provinciale, organizza per sabato prossimo 9 Maggio la manifestazione “Facciamo Pace”: un corteo, colorato e partecipato, si snoderà da piazza della Libertà fino alla Passeggiata di viale Buozzi, là dove sono previsti interventi delle istituzioni, dei rappresentanti delle associazioni, delle forze sociali e delle Scuole, happening ed esibizioni sportive (a cura del Centro ginnastica Monterotondo) e concerto finale della Banda musicale Eretina. Alle 20.00, cerimonia di intitolazione della piazza (già Guglielmo Marconi) ad Angelo Frammartino,  giovane volontario pacifista tragicamente scomparso a Gerusalemme nell’agosto del 2006.

Alla manifestazione, patrocinata dal Coordinamento Nazionale Enti locali per la Pace e i Diritti umani, hanno aderito formalmente i Comuni di Poggio Mirteto, Fiano Romano e Vicovaro, i quattro istituti scolastici comprensivi della città, tutte le Scuole superiori del territorio, numerose associazioni culturali e sportive, i comitati di quartiere della città, il Consiglio comunale e diverse forze politiche cittadine. E’ infine prevista la partecipazione di delegazioni di altri Comuni del territorio oltre a quelli patrocinatori.

«Siamo consapevoli che una realtà locale, per quanto sensibile, sia poca cosa rispetto alla vastità e alla complessità del mondo – afferma il sindaco Mauro Alessandrima anche che la pace comincia dalle nostre città-mondo, che è assolutamente necessario uscire dall’angolo della banale rassegnazione, del “tanto il mondo va così”, incubatrice della peggiore assuefazione alle tragedie che ormai dilagano alle nostre porte e che urlano alle nostre coscienze. La Pace è necessaria come l’aria, come l’acqua. Cominciamo perciò ad affermarlo noi,  dalle nostre piazze, dalle nostre case, reagendo all’inerzia della passività, alla suggestione del conflitto armato come risoluzione delle controversie, alla rinuncia a costruire un’alternativa non violenta e politica allo scontro etnico, religioso, politico ed economico che mette a rischio anche le nostre democrazie, i diritti e le libertà».

Nell’invitare caldamente la cittadinanza a partecipare numerosa alla manifestazione, l’Amministrazione comunale, la Fondazione Frammartino e l’Anpi chiedono fin d’ora a tutte le realtà che interverranno la disponibilità a condividere un percorso che strutturi la manifestazione in un appuntamento annuale, non necessariamente – ed è anzi questo l’auspicio – entro i confini di Monterotondo, coinvolgendo via via un numero sempre maggiore di comunità locali e di realtà territoriali e non.