4 dicembre 2016

“Fermiamola insieme”, a Roma in piazza contro la Buona scuola

‘Fermiamola insieme’. È lo slogan scelto per l’apertura del corteo dei docenti, degli studenti e del personale Ata partito da piazza della Repubblica a Roma. Con la mobilitazione e con lo sciopero generale, i manifestanti vogliono fermare la riforma della scuola “che non risolve il problema del precariato”, che trasforma “i presidi in manager”, e che “taglia le risorse alla scuola pubblica ma non alla privata”.
‘L’unione fa la scuola’; ‘La riforma si fa ma non cosí’; ‘Chi degrada la scuola riduce gli studenti a clienti, gli insegnanti a buttafuori e le aule a sale d’attesa’, e Napoleone Bonaparte con il volto del premier Renzi, sono solo alcuni degli slogan comparsi in cartelli e striscioni tra i manifestanti.

Il corteo organizzato dai principali sindacati del settore in 8 città italiane, si concluderà a piazza del Popolo passando per via Orlando, piazza Barberini, via Sistina, piazza Trinità dei Monti e via D’Annunzio.

ORE 13, “E’ SOLO L’INIZIO” –  “La manifestazione di oggi è solo l’inizio di una lunga stagione di lotta”. Con questa promessa, dal palco di piazza del Popolo si è chiusa la giornata di protesta contro la riforma della scuola del Governo Renzi. Al termine del comizio in piazza sono proseguiti i canti e i balli con gli studenti che hanno improvvisato caroselli e mini flash mob. La manifestazione, iniziata con un corteo in mattinata a piazza della Repubblica e conclusa a piazza del Popolo ha visto la partecipazione di migliaia di persone (100mila secondo gli organizzatori) tra docenti, personale Ata e studenti.

ORE 11.50, TERMINA IL CORTEO, INZIA IL COMIZIO – È appena arrivato a piazza del Popolo – da piazza del Repubblica – il corteo romano dei docenti, del personale Ata e degli studenti contro la riforma della scuola del Governo Renzi. Sul palco montato per l’occasione, iniziera’ il comizio dei rappresentanti dei sindacati e dei politici che hanno preso parte alla mobilitazione.

ORE 11.20, CIVATI: IL GOVERNO ATTACCA INSEGNANTI E SINDACATI – “Della riforma non mi piace l’atteggiamento culturale in questa circostanza, gli attacchi violenti ai sindacati e agli insegnanti”. Lo ha detto l’esponente del Pd Giuseppe Civati partecipando al corteo di docenti e personale scolastico a Roma. “Oggi ho letto una frase – che poteva essere pronunciata dal ministro Moratti o dalla Gelmini – da parte della Giannini, che dice che questo è uno sciopero ‘politico’. Questo è uno sciopero non politico perché la politica non rappresenta più nessuno, perchè il Pd ha tradito i suoi impegni elettorali e ha fatto una riforma della scuola lontanissima dalla nostra cultura politica. Dopo l’Italicum- ha aggiunto- questo è un ulteriore strappo ancora più duro perché riguarda il futuro di questo paese, non é un fatto di corrente, non riguarda la vita parlamentare ma la storia dell’italia nei prossimi anni”.

ORE 11, “NON SIAMO BURATTINI”  – Mentre la testa del corteo ha gia’ passato Trinita’ de’ Monti, la lunga coda transita ora in piazza Barberini. Migliaia in piazza, tanti i giovani che gridano “Renzi, Giannini, noi non siamo dei burattini”. Il corteo e’ colorato, pieno di bandiere e fischietti. Tanta la polizia che guarda i manifestanti sfilare.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.