9 dicembre 2016

Desmo prova Fun Scrambler bike

La teoria dei corsi e ricorsi storici trova espressione anche nel motociclismo grazie alla Scrambler. Modello di successo della Ducati a cavallo degli anni sessanta e settanta, moderna scommessa vincente della casa di Borgo Panigale. Scrambler non è solo il nome di un modello, ma rappresenta un’idea diversa di intendere la moto.

Grazie alla disponibilità del dealer ufficiale desmodromico all’ombra del Vesuvio Twins-Manzo”, tra le meravigliose strade di Napoli abbiamo testato l’icona storica della Ducati. I dati tecnici dicono che al centro del telaio a traliccio in acciaio pulsa un cuore desmodue di 803 cm3, che sprigiona 75 cavalli e 8.250 giri e 68 Nm di coppia a 5.750 giri.

I sei rapporti del cambio sono assistiti da una frizione in bagno d’olio tipo APTC, con sistema antisaltellamento ed azionata con comando a cavo. La forcella è una Kayaba da 41 mm non regolabile, mentre il mono lo è nel precarico molla. L’interasse è di 1.445 mm, l’avancorsa di 112 mm, mentre il cannotto di sterzo è inclinato di 24 gradi. Bello e ben fatto il forcellone curvo.

Gli pneumatici a contorno dei cerchi in alluminio a dieci razze sono i Pirelli MT60 RS, creati specificamente per la Scrambler e misurano 110/80 ZR 18 all’anteriore, 180/55 ZR17 al posteriore. L’impianto frenante è della Brembo ed è dotato di sistema Abs a due canali, disco unico all’anteriore da 330 mm e pinza monoblocco a quattro pistoncini con attacco radiale .

I chili a secco dichiarati sono 170. I gruppi ottici sfruttano la tecnologia LED; all’avantreno c’è una cornice di luce bianca che illumina la circonferenza del faro. La strumentazione è racchiusa in un unico corpo rotondo ed è tutta digitale. I comandi allo sterzo sono quelli di ultima generazione della casa bolognese.

La posizione di guida è influenzata dal largo manubrio e dalla giusta altezza della sella; si ha completa padronanza del mezzo in ambito cittadino e extraurbano, mentre in autostrada il carico d’aria diventa insopportabile già poco oltre i cento chilometri orari. La sella è comoda per il pilota, meno per il passeggero che non ha un vero appiglio dove aggrapparsi.

Per le strade del centro di Napoli tutti si girano ad ammirare la Scrambler; i meno giovani per ritrovarvi un qualcosa di familiare della propria gioventù mentre i più giovani per cercare un qualcosa per vivere al meglio la modernità. Nel traffico grazie al peso ridotto, alla frizione morbida e alle quote di sterzo, si districa agevolmente e gli scooter non sono tanto lontani in termini di praticità. Il manto stradale dissestato non rappresenta un pericolo per l’incolumità della propria schiena grazie al buon lavoro delle sospensioni.

Il meglio di sé la Scrambler lo regala, però, quando le sue ruote girano sull’asfalto di strade extraurbane. Che si affrontino trotterellando o allegramente, la Ducati regala grandi emozioni. Le Pirelli hanno un buon grip anche quando si lascia spazio al DNA sportivo della moto; cromosomi che regalano una rapidità ed un’intuitività nei cambi di direzione degne di una sportiva. L’impianto frenante si mostra sempre all’altezza ed anche se la forcella ha una tendenza ad affondare quando si pinza forte, gli spazi d’arresto sono contenuti.

L’autostrada non è proprio il luogo ideale per godersi la Scrambler, perché, come detto, la seduta espone ad un carico d’aria enorme il busto del pilota appena si alza il ritmo. La strumentazione si guarda più per osservare la velocità che il contagiri; va guidata ascoltando l’inconfondibile sound del bicilindrico desmodromico.

Non solo la linea ma anche il motore è il protagonista di questa moto; i rapporti del cambio sono corti e il sorriso sotto al casco si allarga in proporzione alla rotazione del polso destro sulla manopola. I regimi da privilegiare sono i medi, perché è lì che si concentra il piacere di guida del due valvole italiano.

Per concludere la Scrambler è al tempo stesso un’ottima moto ed una valida operazione di marketing. Chi ha voglia di scoprire di persona le sue qualità può recarsi presso la sede della Twins-Manzo di Napoli alla Via Nuova Poggioreale n° 58; vi sorprenderà!

[flickr_set id="72157651942081218"]
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.