De Mita fiuta l’aria e benedice De Luca

Ha aspet­tato l’ultimo giorno utile Ciriaco De Mita per fare le vali­gie e tra­slo­care nel cen­tro­si­ni­stra di Vin­cenzo De Luca, pro­prio come cin­que anni fa ma all’inverso (dal Pd al cen­tro­de­stra di Ste­fano Cal­doro, por­tando il 9% dei voti).

Que­sta volta il peso elet­to­rale sarà infe­riore poi­ché l’area si è spac­cata in due: da un lato Ncd; dall’altro l’Udc. I due par­titi avreb­bero dovuto fon­dersi in Area popo­lare con Ange­lino Alfano che avrebbe voluto accor­darsi col Pd cam­pano e la san­nita Nun­zia De Giro­lamo asso­lu­ta­mente con­tra­ria. Alla fine è pre­valsa la tesi di rima­nere con Cal­doro così De Mita prima ha impo­sto liste sepa­rate, poi ha messo il veto sull’inserimento per­sino in Ncd dell’assessore uscente Pasquale Som­mese, quindi (si dice) ha pre­teso l’inserimento nella futura giunta della figlia Anto­nia. Infine, in un cre­scendo ros­si­niano, ha sbat­tuto la porta ed è andato da De Luca.

Vele­nosa la replica di Som­mese: «L’Udc è un con­te­ni­tore vuoto». Nel pome­rig­gio De Mita e Lorenzo Cesa hanno dif­fuso un comu­ni­cato in cui accu­sano gli ex amici di essersi posti «in una con­di­zione di scon­tro e di aggres­sione» e poi, alla fine, la verità: «Le deci­sioni non si spie­gano den­tro uno schema, ma in ragione delle con­di­zioni di pra­ti­ca­bi­lità». Il sin­daco deca­duto di Salerno ha accolto l’ex segre­ta­rio della Dc a brac­cia aperte e pazienza se su Lira Tv aveva spie­gato: «La Cam­pa­nia ha da quarant’anni un pro­blema poli­tico che si rias­sume in un nome e un cognome: Ciriaco De Mita». De Luca la verità la dice subito: «Per gover­nare occorre vin­cere e per vin­cere occorre ampio con­senso. Abbiamo allar­gato al mas­simo le liste che appog­giano la mia candidatura».

Sal­va­tore Vozza, aspi­rante gover­na­tore di Sini­stra a lavoro (Sel, Rifon­da­zione comu­ni­sta, Pdci, Sim, Par­tito del Lavoro, Green Ita­lia, Act) ha accolto la mossa dell’Udc con entu­sia­smo: la spe­ranza è che un pezzo di elet­to­rato Pd si spo­sti verso la sini­stra, spin­gen­dola molto oltre la soglia del 3%. «Mi chiedo — sot­to­li­neava ieri Vozza — cosa pen­sino gli elet­tori del Par­tito demo­cra­tico di que­sta ritro­vata sin­to­nia con Ciriaco De Mita e ancora dell’avere, nelle liste a soste­gno del pro­prio can­di­dato, cosen­ti­ni­nani, l’ex que­store Mal­vano e alcuni per­so­naggi con fre­quen­ta­zioni quanto meno ambi­gue». Capo­li­sta a Napoli Costanza Boc­cardi, can­di­data alle ultime ele­zioni euro­pee con L’Altra Europa con Tsipras.

In lizza per la carica di gover­na­tore ci sono anche il gior­na­li­sta Marco Espo­sito (Lista Mo!), Michele Gili­berti per Forza Nuova e Vale­ria Cia­ram­bino del Movi­mento 5 Stele, che può con­tare sulla spinta di Roberto Fico e Luigi Di Maio, che scri­veva ieri su fb: «La fab­brica dei mostri Pd non smette mai di stu­pirmi: non bastava il con­dan­nato incom­pa­ti­bile con la carica di pre­si­dente (De Luca), adesso anche l’amnistiato di tan­gen­to­poli (De Mita)». Alle euro­pee i gril­lini hanno rac­colto in regione il 22,9%, l’obiettivo è rima­nere intorno al 20%.

Il Pd è riu­scito a esclu­dere dalla lista i sin­daci che si erano fatti deca­dere per otte­nere la can­di­da­tura. Almeno un paio di caselle sono ricon­du­ci­bili all’eurodeputato Andrea Coz­zo­lino, fon­da­men­tale per i voti su Napoli. Nelle civi­che di appog­gio hanno tro­vato posto i tran­sfu­ghi dell’altro schie­ra­mento, a comin­ciare da Carlo Aveta pro­ve­niente da La Destra, costrin­gendo la segre­te­ria regio­nale del Pd a pren­dere le distanze (Nella foto qui sotto, con due came­rati sulla tomba di Mus­so­lini a Pre­dap­pio) . Pro­te­sta per l’arrivo dell’Udc il Psi, che schiera il con­si­gliere uscente Cor­rado Gabriele. Bene­dice De Luca Marco Pan­nella e così Rosa Cri­scuolo (un pas­sato nei Ds e poi vicina a Cosen­tino) del diret­tivo nazio­nale dei Radi­cali si pre­senta con Cen­tro demo­cra­tico. Nei Verdi spunta Eleo­nora Brigliadori.

Cal­doro, vit­tima per tre anni delle tor­ture di De Mita, ha iro­niz­zato: «De Luca da oggi ha un padrino che lo accom­pa­gnerà per tutta la cam­pa­gna elet­to­rale, con la mano sulla spalla e ogni tanto un ’buf­fetto’ sulla guan­cia». Si cerca di tra­smet­tere otti­mi­smo con l’ultimo son­dag­gio (secondo FdI, Cal­doro sarebbe 2 punti sopra) ma i big nazio­nali di Fi, a comin­ciare dalla saler­ni­tana Mara Car­fa­gna, per ora non si vedono. E infatti capo­li­sta a Napoli è Ales­san­dra Mus­so­lini, sbu­cata all’ultimo secondo.

In Forza Ita­lia cam­pana, epu­rati i ver­di­niani, det­tano legge i Cesaro (in lista Armando, figlio del par­la­men­tare Luigi) e i fra­telli Mar­tu­sciello, nel San­nio i Mastella. Terra di lavoro, con Cosen­tino fuori dai gio­chi, andrà in ordine sparso.

Fonte: il manifesto

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9337 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.