4 dicembre 2016

Flaminio – Chiusura Centro Axel, i comitati a favore del provvedimento

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Il 29 aprile, sono stati messi i sigilli all’Axel, una struttura di circa 3.000 metri quadri coperti, che sorge su suolo pubblico in piazza Mancini, con una pista da ghiaccio, una palestra, un negozio specializzato e un ristorante panoramico. L’opera aveva potuto essere innalzata 5 anni fa, senza alcun Permesso di Costruire, in quanto “temporanea”, cioè con una durata massima di un anno. E invece è rimasta lì tutto questo tempo, e anche adesso, dopo due sentenze – del TAR e del Consiglio di Stato – che danno ragione al Municipio che da tempo ne chiede lo smantellamento, qualcuno pretenderebbe che l’abuso venisse legalizzato, invocando i soliti posti di lavoro (che fanno sempre più spesso da scudo a ogni illegalità). Carteinregola e Cittadinanzattiva Flaminio hanno scritto al Sindaco e al Presidente del Municipio, a sostegno della strada intrapresa dall’amministrazione a tutela dell’interesse collettivo e contro ogni abuso, a Ostia come al Flaminio.

Da anni i nostri comitati si battono contro ogni abusivismo e illegalità, e finalmente nel II Municipio l’amministrazione ha cominciato a prendersi delle responsabilità nel far rispettare le regole. Ed è veramente un segnale importante del “nuovo corso” – del Municipio e del Comune di Roma – che vale più di tanti proclami, la decisione dell’abbattimento della struttura della struttura dell’AXEL, un palazzo del ghiaccio con ristorante annesso sorto in piazza Mancini nel 2010 come “struttura temporanea”, che sta arrivando al quinto anno di vita, nonostante dovesse durare un solo anno. Già durante l’allestimento, ai cittadini del quartiere che chiedevano se si trattasse di un’opera provvisoria, gli operai che montavano la tensostruttura avevano risposto con una risata, facendo notare la base in cemento. In questi cinque anni il II Municipio ha chiesto ripetutamente che venisse “smontata”, la società ha fatto ricorso al TAR e l’ha perduto, ha fatto ricorso al Consiglio di Stato e l’ha perduto, ma ancora avanza delle rivendicazioni.
Infatti, di fronte alla giusta scelta del Municipio di dar seguito a quanto dichiarato illegittimo, la società – forte anche del sostegno di un quotidiano come Il Messaggero che oggi dedica un ampio spazio alle mamme dei bambini che fanno i corsi di pattinaggio che minacciano manifestazioni e comitati – vorrebbe che quello che due sentenze hanno definito abuso venisse sanato come se niente fosse.
E al di là della validità della discutibile scelta di inserire una struttura del genere in quel luogo, per noi di Carteinregola, di Cittadinanzattiva Flaminio e delle altre associazioni del territorio che si battono per il rispetto delle regole, non è accettabile che un soggetto privato possa aggirare a piacimento le regole urbanistiche ed edilizie, per costruire una struttura che se permanente avrebbe dovuto seguire ben altro iter e ottenere ben altri permessi, usando la scusa del “temporaneo” e gridando all’ingiustizia quando un’amministrazione pubblica decide di fare rispettare le normative vifgenti.
E visto che siamo al Flaminio, e non nel Far west, in cui ognuno fa quello che gli pare e i furbi, la fanno franca, Carteinregola e Cittadinanzattiva Flaminio intendono sostenere fino fondo l’azione del Municipioe del Comune. Da troppo tempo abbiamo assistito ad abusi di ogni sorta nel nostro e in tanti altri quartieri della città: addirittura una casetta apparsa in una notte a Ponte Milvio, a pochi passi dal ponte storico, probabile avamposto per ulteriori abusi, fortunatamente bloccata anche quella dalla denuncia del Municipio.

[/quote]

Riceviamo e pubblichiamo