4 dicembre 2016

La rivoluzione della mobilità, nel futuro guideremo con Google. Ecco cosa guideremo tra dieci anni

Mercedes-Benz ha dato forma alla macchina del futuro presentando la nuova F 015 Luxury in Motion, mentre Audi si è detta pronta a vendere il primo modello autonomo nel 2017.  Non sono  solo idee visionarie ma una concreta realtà che ritrova nella guida autonoma una nuova meta raggiunta nel settore autobilistico. Con questi prototipi l’auto supera il suo ruolo di mezzo di trasporto e si trasforma in ambiente dove il passeggero può dedicarsi alle attività che più preferisce in quanto non è impegnato alla guida. L’idea è quella di farci staccare le mani dal volante mentre la vettura si muove tramite il continuo scambio di informazioni tra passeggeri, veicolo e ambiente. L’obiettivo di base è quello di ridurre al minimo gli incidenti tramite dispositivi elettronici e sensori in grado di rilevare pericoli o addirittura prevenirli. Questa non è solo una rivoluzione tecnologica ma soprattutto culturale, dove internet e il mondo delle applicazioni di Apple ed Android diventano i principali alleati.

Al punto tale che il meglio dell’industria automobilistica ed elettronica hanno avviato collaborazioni sempre più numerose per integrare i sistemi informatici nelle vetture. Tra le partnership più importati citiamo la Open Automotive Alliance: un accordo tra Google e 28 brand automobilistici e numerose aziende informatiche che vede l’integrazione del sistema operativo Android nell’elettronica di bordo. Questi sistemi permettono ai passeggeri di eseguire chiamate, inviare messaggi, ascoltare musica, utilizzare la navigazione satellitare e i sistemi di controllo vocale o semplicemente muovendo le mani eliminando così ogni distrazione.

Ma c’è di più! Alcune tecnologie consentono attualmente di mettere in comunicazione automobili e biciclette con l’obiettivo di anticipare gli incidenti, individuare la propria auto ovunque sia stata piazzata, inviare un indirizzo dal telefono al navigatore dell’automobile, comunicare al proprietario lo stato di salute dell’auto tramite e-mail, captare eventuali malfunzionamenti. Inoltre, in futuro si potrà  lasciare la propria auto all’entrata di un garage multipiano perché questa si parcheggi da sola.