9 dicembre 2016

Aranova – Cento bambini per la prima del piedibus

Cento bambini della scuola primaria e dell’infanzia Parrotta di Aranova hanno partecipato questa mattina al primo progetto PiediBus del Comune di Fiumicino. Iniziativa nata da un’idea dell’ecocomitato Eco School di Aranova alla quale ha preso parte anche l’associazione Crescere Insieme.

“Si tratta di un progetto sperimentale – dice Francesca Lancellotti maestra e referente EcoSchool di Aranova – che oltre a sensibilizzare genitori e bambini sull’ecosostenibilità ambientale ha anche una valenza molto pratica. La scuola di Aranova soffre di carenza di parcheggi. La mattina lasciare i bambini diventa spesso problematico. Gli ingorghi bloccano la strada per una mezzora buona, con tutti i problemi che ne derivano: smog, caos, parcheggio selvaggio. C’è poi anche un altro risvolto: non tutti riescono ad accompagnare i bambini all’orario stabilito. Per questo abbiamo deciso di portare avanti quest’idea, prendendo spunto da ciò che da anni si fa in tanti comuni del nord Italia: un punto di ritrovo, di fronte alla chiesa di Aranova dove i genitori, parcheggiando comodamente e senza alcun pericolo, dalle 7.30 alle 7.55, potranno lasciare i bambini che verranno poi accompagnati a scuola a piedi da alcuni volontari. L’adesione è stata altissima: 70 bambini alla partenza e 30 alle altre fermate”.

piedibus (2)Ad attendere i bambini oggi per il primo ‘viaggio’ del PiediBus c’erano il dirigente scolastico dell’istituto Francesco Commodo, oltre a tutti i volontari dell’associazione Crescere Insieme che hanno partecipato all’iniziativa e al presidente della ProLoco di Aranova Serena Letterio.

“Appena è nata questa iniziativa ci siamo messi a disposizione – spiega il presidente dell’associazione Crescere Insieme, Roberto Severini -. Abbiamo acquistato e donato delle pettorine catarifrangenti e ci siamo resi disponibili con i nostri volontari. Si tratta di un progetto molto interessante che nel futuro potrebbe essere anche ampliato. Per ora è previsto ogni venerdì, ma l’idea è farlo diventare un appuntamento quotidiano dal prossimo anno scolastico studiando tutte le possibili soluzioni, per esempio in caso di pioggia o di vento. Ringrazio tutti i volontari, le maestre e l’ecocomitato che ha dato vita a questo progetto davvero splendido”.

Soddisfatti i genitori. “Un’iniziativa lodevole – dice Massimo di Giammarino -. Ringrazio davvero tutti. Di solito per far alzare mio figlio dal letto ci impiego anni, invece questa mattina era eccitatissimo. È un progetto importante che ci ha dato lo slancio per lasciare la macchina a casa con tutti i vantaggi del caso: evitare arrabbiature, caos, parcheggio selvaggio. E poi è un modo per i ragazzi di socializzare, stare insieme e muoversi”.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.