10 dicembre 2016

XX Coppa degli Etruschi…ultimo atto purtroppo !!!

Coppa degli Etruschi, ventesima e ultima edizione. Il presidente dell’Etruria Historic Club di Viterbo Mimmo Patara, ha annunciato al momento delle premiazioni che non potrà organizzare un’altra gara del genere.

L’Amministrazione comunale, nonostante le promesse e gli impegni, ha fatto mancare il proprio sostegno. Non solo: ha pure scombussolato all’ultimo momento gli accordi già presi sulla viabilità, che avrebbe consentito ai partecipanti una mattinata a spasso per le vie del centro storico. E dire che questo week end a motore ha avuto un successo notevole: la manifestazione poteva fregiarsi del titolo di prova valida per il campionato italiano di regolarità CSAI e a Viterbo sono confluiti da tutta Italia oltre cinquanta equipaggi con bellissime auto d’epoca. I piloti (tra cui ben 11 Top Driver, vale a dire i migliori specialisti mondiali della disciplina) si sono dati battaglia , il sabato pomeriggio, intorno al Lago di Vico, con prove speciali che hanno toccato anche San Martino al Cimino e Caprarola. La domenica mattina il percorso si è snodato a nord, con un giro tecnico e appassionante nel ex kartodromo Sensi di Grotte Santo Stefano e altre prove lungo le quiete stradine nei dintorni di Graffignano (La città delle lumache) e di Celleno (terra delle ciliegie).

Sontuosa la premiazione a Villa Sofia e rammarico finale per la comunicazione che, dopo ben 20 edizioni, questo formidabile incontro verrà a mancare per la miopia degli amministratori comunali che non hanno neanche presenziato a questa parte finale della manifestazione pur essendo stati invitati con largo anticipo.

Si dice sempre che a Viterbo andrebbe promosso il Turismo, che ci sono tante bellezze architettoniche e storiche da riscoprire, tanta enogastronomia da apprezzare e poi …

A quest’ultima Coppa degli Etruschi – pensandoci bene – erano accorse da tutta Italia più di cento persone che hanno speso, mangiato, dormito, visitato e apprezzato il nostro territorio e che alla fine della manifestazione hanno dedicato al presidente Patara un’ovazione implorandolo di ripensarci. Ma il suo impegno e la sua passione non possono giustamente essere mortificati più di tanto.

Quest’ultima Coppa egli Etruschi è stata vinta dal tarantino Flavio Renna con la bolognese Cristina Biagi. La coppia, a bordo di una Innocenti Mini del ’72 ha chiuso con una straordinaria media di errore di due centesimi e mezzo a passaggio. La classifica Top Car (che applica un coefficiente in relazione all’anzianità delle vetture) ha visto il successo di Andrea Belometti e Federico Passi alfieri della scuderia lombarda della Franciacorta motori con l’ammiratissima Fiat 508 SS. Secondi, staccati di una sola penalità, Alberto Riboldi e Paolo Sabbadini a bordo della Fiat Balilla 508 in versione Coppa d’oro. La prova Turistica che prevedeva un minore ma non meno impegnativo numero di prove speciali, è stata vinta dai viterbesi Giancarlo Carli e Antonio Cristaudo che su A112 Abarth hanno preceduto la rombante Riley TT Sprite del ’36 di Franco Indaco