3 dicembre 2016

Regione Lazio – Avenali: “Giornata Vittime Amianto non sia solo celebrazione ma spinta per agire.”

Un milione di tonnellate di amianto da rimuovere, più di mille casi di mesotelioma tra il 2001 e il 2014: sono queste le spaventose cifre relative all’amianto nel Lazio certificate dal Dipartimento di Epidemiologia del Lazio, la fibra-killer che silenziosamente uccide e continua a spaventare. In occasione della celebrazione della Giornata nazionale per le vittime dell’amianto, dobbiamo ricordare, e riflettere su quanto urgente sia adoperarci per mettere in sicurezza la nostra salute ed il nostro ambiente” Dichiara Cristiana Avenali, Consigliera regionale del Partito Democratico.

“Nella nostra Regione – continua Avenali – manca un piano regionale, non è stata conclusa la mappatura dell’amianto presente sul territorio, come ci ricorda il Dossier di Legambiente, e manca una legge che possa attuare quella nazionale, che risale addirittura al 1992, affrontando strutturalmente il problema e dotando il Lazio di un piano per lo smaltimento, per la bonifica dell’amianto, e che permetta di intervenire per garantire sorveglianza sanitaria ad esposti, ex esposti e potenzialmente esposti.

Sono queste le finalità della proposta di legge presentata che mi vede prima firmataria insieme ad altri 12 Consiglieri regionali, che ho promosso attraverso un partecipato evento lo scorso febbraio, per lanciare un percorso condiviso.

Da domani, sul mio sito www.cristianaavenali.it, sarà possibile inviare proposte e suggerimenti per partecipare e migliorare ulteriormente la proposta di legge ancora prima che inizi il normale percorso istituzionale.

L’obiettivo infatti è quello di arrivare ad una norma importante per il Lazio, che possa vedere il coinvolgimento di associazioni, istituzioni, cittadini, imprese. Al fine di iniziare prima possibile l’iter della discussione nella commissione competente, stamattina ho scritto al Presidente del Consiglio regionale Daniele Leodori ed al Presidente della commissione salute Rodolfo Lena per chiedere loro di dare seguito agli impegni presi e alla necessità e urgenza che abbiamo di dotarci di una legge sul tema emersa durante il Convegno “Per una Regione Amianto Free” che si è tenuto presso il Consiglio regionale lo scorso 4 febbraio ed ha visto la partecipazione di numerosi Consiglieri, per riuscire a dotare il Lazio di una normativa entro la fine dell’anno.”

“Terminare la mappatura e poi procedere con urgenza alla bonifica e smaltimento dell’amianto recuperando tutte le risorse possibili regionali, nazionali ed europee per poter intervenire in maniera complessa e organica è fondamentale” – prosegue la Consigliera – “La Giunta Regionale sta dimostrando attenzione al tema, e sta lavorando per attivare alcune delle azioni previste nella legge, come la predisposizione delle linee guida per la micro raccolta dei rifiuti contenenti amianto, e la costituzione di un Nucleo Amianto – conclude Cristiana Avenali – che potrà coordinare e programmare gli interventi, composto da tutte le competenze che all’interno della Regione si occupano di Amianto ma che fin’ora non hanno dialogato tra di loro, per portare avanti un lavoro di pianificazione e garantire ai cittadini del Lazio sicurezza dal punto di vista sanitario e ambientale.”

Oggi parteciperò al Convegno “Pericolo Amianto” promosso dall’Associazione Italiana Esposti Amianto (AIEA) per dare il mio sostegno alle richieste che l’Associazione sta portando avanti da anni a livello nazionale. L’appuntamento è per le 9.30 presso la Sala Santa Maria in Aquiro – Piazza Capranica 72, ROMA.”

Così in una nota Cristiana Avenali, Consigliera regionale del Partito Democratico, componente della Commissione Ambiente e prima firmataria della proposta di legge regionale sull’amianto n. 93/2013