10 dicembre 2016

Roma – I Cittadini Contro le Mafie e la Corruzione, lettera aperta al ministro degli interni

mafia-capitale
Foto Daniele Leone / LaPresse 04/12/2014 Roma, Italia Cronaca Mafia Roma, la lupa capitolina vista attraverso le luci di un mezzo dei Carabinieri. Campidoglio

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Sostenere in ampi settori politici che l’inchiesta Mafia Capitale sia riconducibile solo al duo Buzzi-Carminati e che questi e i loro sodali abbiano agito senza la collaborazione fattiva della politica e di pezzi della classe dirigente romana e laziale è quanto vuol farci credere chi è, a pieno titolo, inserito in quel contesto criminale che chiamiamo da anni “Quinta Mafia”. In qualunque altro comune d’Italia dopo il ciclone investigativo che ha colpito Roma e grandi settori politico-amministrativi della Regione Lazio si sarebbe arrivati, perlomeno, alle dimissioni degli organi eletti o si sarebbero attivate le procedure per lo scioglimento degli stessi. La normativa in materia parla chiaro cosi come le sentenze della Suprema Corte di Cassazione in materia di scioglimento dei Comuni :”“quando … emergono elementi su collegamenti diretti o indiretti degli amministratori con la criminalità organizzata o su forme di condizionamento degli amministratori stessi, che compromettono la libera determinazione degli organi elettivi e il buon andamento delle amministrazioni comunali e provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi alle stesse affidati ovvero che risultano tali da arrecare grave e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica. Trattasi pertanto di misura di carattere straordinario, introdotta per fronteggiare un’emergenza straordinaria, da cui è derivata “la possibilità di dare peso anche a situazioni non traducibili in addebiti personali, ma tali da rendere plausibile, nella concreta realtà contingente e in base ai dati dell’esperienza, la possibilità di una eventuale soggezione degli amministratori alla criminalità organizzata, quali i vincoli di parentela o di affinità, i rapporti di amicizia o di affari, le notorie frequentazioni” (G. La Torre).

Tutto quanto riportato dalla normativa e dalla Giurisprudenza consolidata rischia di impantanarsi e pare ritornare in auge il detto : a Roma la mafia non esiste. Quindi si va avanti e si nasconde tutto sotto al tappeto in una sorta di : noi siamo noi e la legge vale per gli altri!

L’ottimo lavoro degli organi investigativi romani e della Magistratura, al momento, nulla possono innanzi questa “prepotenza” del potere politico. Ci domandiamo e domandiamo ai signori della Legalità ad intermittenza: cosa sarebbe avvenuto se al governo della città di Roma ci fosse stata un’altra maggioranza politica? Si sarebbe risolto tutto con la nomina di commissari di partito e rimuovendo il Prefetto della Città? Se non ci fosse stata trasversalità nelle responsabilità penali, attualmente presunte, sarebbe andata nella identica maniera? Come mai nel caso non lontano della richiesta di scioglimento del Comune di Fondi, oggettivamente per molto meno e senza il coinvolgimento cosi massiccio di assessori, politici e funzionari di tal spessore, si arrivò alle dimissioni del Sindaco e della Giunta? Due pesi e due misure? C’è una “onestà” presunta di partito ed una negata a prescindere? Non si corre cosi il rischio di delegittimare il lavoro degli organi di Polizia e della Magistratura che hanno delineato un quadro nefasto di come le mafie abbiano agito da decine di anni nella Capitale e nella sua Regione? La “verginità” di pezzi consistenti della classe  politica è affidata al visto di commissari di partito nominati dal “sovrano di turno” al governo o deve essere stabilita da funzionari indipendenti che devono solo applicare la normativa in materia e le leggi dello Stato? E’ giusto avere due pesi e due misure in quel di Reggio Calabria o nel paesello siciliano o campano, dove anche a volerlo  è difficile evitare il contatto mafioso rispetto a quanto avvenuto a Roma, dove i mafiosi veri o presunti venivano cercati e partecipavano a convegni e feste di partito? Torniamo a quanto sostiene il legislatore e la dottrina. Dal sito nazionale dell’Arma dei Carabinieri si legge:

…”Le norme in materia di scioglimento degli enti locali hanno carattere “extrapenale”. La loro applicazione, pertanto, non consegue necessariamente a vicende di carattere penale. Inoltre, da un provvedimento di scioglimento non derivano inevitabilmente conseguenze giudiziarie. In particolare, l’analisi dei provvedimenti finora adottati evidenzia come gli elementi posti a base delle motivazioni di scioglimento non esitano necessariamente in un procedimento penale.
La funzione di prevenzione e di difesa sociale da fenomeni di criminalità organizzata, propria degli scioglimenti, trova conferma in una sentenza del Consiglio di Stato (n. 4467 del 2004), ove si evidenzia che: «[…] la ratio sottesa allo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni della criminalità organizzata è da collegare a un istituto di natura preventiva e cautelare inteso ad evitare che gli indizi raccolti in ordine all’esistenza di un’infiltrazione della criminalità organizzata possano compromettere il regolare e legittimo andamento della cosa pubblica. Essa non risponde, quindi, alle regole ordinamentali tendenti a stroncare la commissione di illeciti, ma si inquadra piuttosto nel sistema preventivo del controllo generale riservato allo Stato in ordine a fatti che, per consistenza ed effettività, si reputano idonei a determinare uno sviamento dell’interesse pubblico”.

Che considerazioni fare dunque da parte dei Cittadini che hanno avuto la pazienza di leggere stralci delle intercettazioni telefoniche o  quanto riportato dalle cronache giudiziarie sulla vicenda Mafia Capitale?

Per tutti questi motivi chiediamo che venga istituita una commissione d’acceso per sospette infiltrazioni mafiose nel comune di Roma.

[/quote]

“I Cittadini Contro le Mafie e la Corruzione”

È inoltre disponibile una petizione online cliccando su Petizione link.

Fonte fotografica: Daniele Leone / LaPresse