4 dicembre 2016

L’ipocrisia sull’immigrazione

L’ecatombe nelle acque del Canale di Sicilia del 19 aprile, dove oltre 700 persone sono morte, è solo l’ultima strage di migranti che da vent’anni bagnano di sangue le acque del Mediterraneo.

Ancora una volta siamo spettatori passivi di tanta ipocrisia e finte lacrime. Tutti i governanti d’Europa si sono indignati ma nessuno di loro affronta il problema seriamente e alla radice; sono responsabili di quanto accaduto.

C’è l’ipocrisia dell’indignazione per le persecuzioni che i migranti subiscono nelle loro nazioni a causa di barbari dittatori. Quasi nessuno, però, ricorda che quei dittatori sono lì grazie alla complicità di certe guerre avallate dalla Nato con il silenzio dell’Onu e dell’Unione Europea.

Gli interventi del mondo occidentale, capitanato dal grande ipocrita a stelle e strisce esportatore della sua visione di democrazia, non solo hanno tolto sovranità alle popolazioni interessate, ma le hanno spinte a scappare.

Chi fugge dalla Libia, dalla Somalia, dalla Siria, lo fa perché ha visto i propri territori devastati dalle nostre bombe (nostre sia politicamente sia perchè prodotte dalle industrie italiche) e dal nostro sistema economico e sociale.

Con la scusa del terrorismo (chi ha foraggiato l’Isis in passato?) si sono scatenate guerre il cui costo ammonta ad una cifra che se fosse stata investita diversamente, si sarebbero sfamati tutti i poveri del globo. Però si sa, l’industria della morte racchiusa nelle armi conta su un nutrito esercito di parlamentari e primi ministri. Nel frattempo le organizzazioni terroristiche nel mondo lungi dall’essere state debellate; anzi sono aumentate anche di numero.

Falsamente si crede nell’idea che i territori dei migranti siano poveri. In realtà di misero c’è solo il modo di ripartire le risorse tra le popolazioni. L’Africa, come continente, è ricchissimo di risorse minerarie e naturali; eppure da secoli gli africani vivono in miseria. Secondo voi, perché? Gli stati africani sono sempre rimasti di fatto delle colonie, fornitori di risorse al servizio delle solite multinazionali….

Vedete che direzione prende il petrolio nigeriano; eppure la disoccupazione in Nigeria aumenta del 25% l’anno e oltre il 60% dei nigeriani vive con meno di un dollaro al giorno.

A proposito di petrolio; scoprite quali aziende si arricchiscono con il petrolio libico; nello stesso tempo, però, mentre si privatizzano gli utili, si scaricano sul bilancio italiano i costi di missioni scellerate come Triton.

Che dire, poi, di quelle associazioni, consorzi e cooperative (chiedere a Luca Ovedaine) che sull’accoglienza dei migranti hanno creato un business milionario? Detto tra noi, alla solidarietà di alcune di queste non credo proprio, e sarà la magistratura a dire se sono un miscredente.

L’Unione Europea cosa fa? In barba alla solidarietà, i suoi governi mirano solo ad evitare l’arrivo dei migranti. La risposta al traffico d’esseri umani non è la cooperazione tra stati ma lo scaricare a noi italiani lo strazio, la disperazione e i costi di questo vile commercio. Non esagero se affermo che il libero mercato europeo è composto anche dai trafficanti.

Come sempre accade nelle situazioni d’emergenza, in Italia c’è chi fa dello sciacallaggio politico; prima erano i meridionali i colpevoli delle patrie disgrazie, oggi i migranti. Dimenticano, forse causa nebbia nel cervello, che gli immigrati nello stivale sono il 7% della popolazione residente, contribuiscono alla formazione dell’11% del Pil e a loro è destinato solo il 3% della spesa pubblica.

Visto che il denaro per me non è, però, l’unico parametro di valutazione, anzi lo considero il paravento di speculazioni criminali, mi rifaccio alle parole di Papa Francesco (quello tirato per la talare dai politicanti nel maldestro tentativo di pulirsi l’anima politica): “Bisogna superare le paure e i sospetti, attraverso l’aiuto reciproco tra i paesi”.

Sono il primo a dire che non bisogna aprire senza alcun controllo le nostre frontiere e che il nostro territorio non può accogliere tutti. Infatti pongo a chi ci governa a suon di tweett e slogan queste domande: cosa intende per integrazione? Di sicuro non deve essere l’abolizione dei nostri simboli e valori cristiani, perché un popolo senza tradizioni o che si vergogna delle stesse, è un popolo morto. Per me integrazione deve essere innanzitutto rispetto reciproco, perché senza di esso c’è solo un feroce scontro di civiltà.

Altro quesito riguarda l’immigrazione islamica. Purtroppo il confine tra il jihadismo e coloro che vivono pacificamente la propria fede è così sottile e incerto che occorre una seria riflessione in merito. A mio avviso bisogna rifarsi al principio di reciprocità fra stati; far finta di nulla ed essere tolleranti con gli intolleranti è irresponsabile.

Detto questo, queste sono le mie soluzioni. Nel breve periodo occorre inserire quanti chiedono asilo in percorsi di inserimento in tutti gli stati europei; l’emergenza, così, sarebbe sostenibile.

Nel medio e lungo periodo, se si vuole davvero risolvere definitivamente il problema e ridare dignità ad intere popolazioni, dobbiamo capire che il nostro benessere non può più basarsi sulla miseria di altri.

Si deve puntare ad un nuovo modello sociale dove non è morale e possibile che 85 persone abbiano una ricchezza pari a quella di 3,5 miliardi di persone!

Attraverso la redistribuzione delle risorse in maniera equa, rispettosa sia della natura sia dell’uomo, si andranno a creare quelle condizioni per evitare che un somalo sia costretto ad abbandonare le proprie radici per avere un’opportunità (non certezza…) di vita dignitosa.

Non dimentichiamo, poi, che nel 1901 in Italia mezzo milioni di connazionali vennero ammassati nelle stive come bestie, sottoposti alla tirannia di armatori avidi senza vergogna.

Italiani che desideravano una possibilità di lavorare per sopravvivere, considerati solo merce dalla quale ricavare profitto.

Non dimentichiamo, infine, che siamo tutti esseri umani e che non possiamo essere sacerdoti al servizio del dio denaro. Il denaro macchiato dal sangue di donne e uomini è sterco, quello del diavolo.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.