6 dicembre 2016

Roma – M5S: “Su Eur SPA poche notizie e molti “non so””

Su come sarà amministrato il quartiere Eur molti sono i dubbi, non essendo chiara la sorte e la mission della società Eur S.p.a. Molti, invece, sono stati i soldi spesi e molti altri ne servono per lavori di completamento delle opere.

L’incertezza su cosa succede e su cosa accadrà nella gestione e valorizzazione del quartiere è totale. Ma ora la priorità, per EUR S.p.A., è un’altra: la presentazione al tribunale un piano di ristrutturazione entro 60 giorni per scongiurare il peggio.

Il M5S Roma è riuscito a convocare ieri una commissione congiunta Urbanistica (PD) e Revisione Spesa (M5S) sul quadrante Eur e sulla sua gestione da parte del Comune, socio al 10% di Eur SPA.

Non solo la Nuvola di Fuksas il focus, per la quale mancano all’appello 170 milioni di euro e la cui ultimazione sarebbe prevista a metà del 2016. Alla Nuvola è legata la sorte dell’annesso albergo “la Lama”. Ma è moto difficile trovare un acquirente per un albergo senza centro congressi a pieno regime e con un bel panorama sulle torri ex MEF, oggi in stato di abbandono e con gravi problemi di sicurezza.

Nella migliore delle ipotesi, le torri potrebbero ospitare uffici di qualche grossa compagnia. Ma sui tempi per la riqualificazione non si ha notizia.

L’area dell’ ex Velodromo è ormai in stato di abbandono, ma l’assessore Caudo rassicura tutti: l’area sarà ripristinata e riqualificata. Le nuove edificazioni non impatteranno su un’area che sarà destinata a parco. Ma si seguirà comunque la linea di Alemanno, con edificazione di nuovo residenziale, anche se in misura ridotta. Sui tempi, inoltre, non vi è certezza.

Si passa poi al futuro acquario di Roma Mediterraneum. Il presidente della Mare Nostrum Romae, Domenico Ricciardi, rassicura tutti: le banche hanno riaperto i rubinetti del credito, i lavori sono ripresi, entro l’anno si aprirà l’acquario. Ma questa purtroppo sembra essere una musica già sentita.

Per il Luneur le sorti sono incerte: i lavori vanno a rilento, afferma Lo Presti, e si è aperto un contenzioso per il ripristino, ma non si può fornire una stima sui tempi di completamento. Inoltre sorprende apprendere che non vi siano le condizioni per applicare le penali.

“Per la prima volta, in una sede ufficiale, è stata fatta chiarezza su alcuni fatti e su alcune cifre. Ed è stato messo tutto a verbale, anche i tanti “non so”, “non dipende da me” e “vedremo”, concludono i consiglieri 5 stelle.

About Giovanni Soldato 2956 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.