6 dicembre 2016

Roma – M5S, Festa della liberazione: “Il 25 sia un occasione di dialogo fra i popoli.”

La testa del corteo nei pressi di Piazza San Giovanni, Roma 19 ottobre 2013. ANSA/ETTORE FERRARI

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Egregio Sindaco,

apprendiamo dai media che il 25 aprile la comunità ebraica e l’associazione degli ex deportati non parteciperanno al corteo che tradizionalmente sfila a Porta San Paolo. Il Presidente della comunità ebraica di Roma specifica che: ”non ci saremo anche perché i palestinesi, che chiedono di essere al corteo, durante la guerra erano alleati dei nazisti”.

Questa dichiarazione appare sorprendente alla luce delle considerazioni seguenti. Il giudizio sul Muftì da parte delle Comunità ebraiche si basa sui comportamenti di Amin al Husaini, a partire dalla fine degli anni ’30 ed è il prodotto della propaganda israeliana, che va avanti da decenni, per criminalizzare “i palestinesi” nel loro insieme. Non si può, né si deve, criminalizzare un intero popolo, essenzializzando i comportamenti di uno o pochi individui. Come si è fatto per “i tedeschi”, tutti nazisti, per gli “italiani”, tutti fascisti.

Chi afferma che “gli ebrei” del mondo sono criminali per le politiche dei governi israeliani di Netanyahu, Sharon, Barak ecc. viene immediatamente stigmatizzato come antisemita. Altrettanto in questo caso si dovrebbe fare. Inoltre è errato dare giudizi a partire da uno sguardo retrospettivo sui comportamenti di individui o gruppi umani, in quel particolare periodo, e da una angolazione geopolitica lontana dall’Europa e da quello che stava qui accadendo. Inoltre furono comportamenti di individui o gruppi, da secoli soggetti a oppressione, sfruttamento coloniale, continue promesse deluse da trappole diplomatiche dei governi occidentali con interessi coloniali criminali. Essi avranno comportamenti contradditori giocando su più terreni, pur di ricavarne qualche interesse. Tuttavia va precisato che, durante la seconda guerra mondiale, migliaia di arabi palestinesi hanno partecipato alle azioni militari nell’esercito britannico, al fianco di ebrei palestinesi.Infine va ricordato che lo Stato di Israele, condannato da 87 risoluzioni ONU, da decenni occupa illegittimamente i territori della Cisgiordania e della striscia di Gaza tenendo sotto assedio la popolazione residente e imponendo condizioni di vita disumane a milioni di persone.

Le chiediamo dunque di adoperarsi affinché Roma possa farsi promotrice di una festa della Liberazione che incarni davvero lo spirito del progresso attraverso il dialogo fra i popoli in nome della libertà, vera conquista per ogni uomo.

[/quote]

Così in una lettera aperta il Movimento 5 Stelle Capitolino.

About Emanuele Bompadre 8245 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.