7 dicembre 2016

Cerveteri – L’Italia delle occasioni mancate, il cinema Moderno spegne le luci

Purtroppo come spesso accade ai cinema locali, i biglietti staccati nel fine settimana non colmano i vuoti. La chiusura a volte è solo una questione di tempo. La concorrenza di tv e streaming non si combatte, i multisala si impongono. Troppe difficoltà anche con la distribuzione, che impone di tenere su un titolo anche se non funziona e magari di toglierne altri più gettonati dalla programmazione per seguire trend su scala nazionale.

La brutta notizia della chiusura del cinema Moderno mi induce ad alcune amare considerazioni. Dispiace constatare che i cittadini di Cerveteri, dopo aver lamentato per anni la mancanza di un cinema in Città, non lo abbiano poi frequentato con particolare assiduità.

Certo, può essere comprensibile preferire i multisala, perché offrono spazi dove mangiare, fare shopping e passeggiare. Ma se fino ad oggi scegliere un multisala costituiva un’alternativa, purtroppo oggi questa opportunità non c’è più. La scelta diventa obbligata.

Personalmente ho frequentato spesso il cinema Moderno che mi ha permesso di guardare eccellenti film senza pagare un prezzo esoso per il biglietto e senza dover percorrere 30 o 40 kilometri. Ma ogni volta che entravo in sala, dovevo constatare dispiaciuta che questa era sempre semi-deserta. Sfortunatamente, c’era da aspettarsi questa chiusura.

Credo che il cinema sia un fondamentale strumento di cultura e avremmo dovuto forse apprezzare di più, come cittadini, la fortuna di averlo dietro casa.
E trovo sorprendente che in una città dove c’è chi si lamenta per il rischio di degrado culturale e dove cresce a dismisura l’angoscia per l’insicurezza, dove i nostri ragazzi hanno ben pochi punti di riferimento, si consenta che vengano chiuse attività di qualità culturale, magari per far posto ai luoghi più conformisti e di becero consumismo.

Si può definire ormai una tendenza in atto la perdita del valore sociale e aggregativo dei centri storici un po’ in tutta Italia. Ma è una tendenza che dobbiamo combattere, non solo perché non ci appartiene, ma sopratutto perché dobbiamo tutelare e valorizzare un centro storico importante come il nostro, che ospita anche una struttura museale di valore nazionale.

È in questa perdita continua d’identità e nella mancanza di cultura che si devono ricercare le cause del perdurante e crescente malessere che poi, nelle piazze come sui social network, da luogo a prese di posizione anche molto poco condivisibili.

Spero che la triste vicenda del Cinema Moderno serva quantomeno a farci riflettere sul valore delle attività e delle iniziative di qualità che a tutt’oggi sono presenti a Cerveteri, e a quanto ci costerebbe “perdere l’opportunità”.

Federica Battafarano

About Samantha Lombardi 4019 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it