10 dicembre 2016

Roma – Guardia di Finanza, maxi operazioni tra appalti truccati, spaccio ed evasione fiscale

Si conferma un anno di forte effervescenza operativa, in tutti i versanti affidati alla competenza del Corpo, quello appena chiuso dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma che, grazie all’analisi del tessuto socio-economico e la pregnante attività di intelligence, hanno rivolto la propria attenzione verso le forme di illegalità più insidiose per la collettività conseguendo importanti risultati nei vari comparti istituzionali, anche grazie alle sinergie con Università, enti locali, associazioni di categoria.

LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE ED ALL’ECONOMIA SOMMERSA

Sono state eseguite, in tutta la provincia, 792 verifiche fiscali, cui si aggiungono oltre 1.800 controlli di più limitato spessore, volti al contrasto delle forme di evasione cd. “di massa”, fra cui 784 riscontri sulle compravendite e locazioni immobiliari che, da soli, hanno portato alla scoperta di affitti “in nero” per oltre 13 milioni di euro.

Contribuiscono al conseguimento di questi numeri, 635 “evasori totali”, imprenditori e lavoratori autonomi inottemperanti agli obblighi di dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi, dell’IVA e dell’IRAP.
Gli evasori in quota “criminale” chiudono con un bilancio pesantissimo: sono 983 le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria – di cui 18 arrestate – per condotte previste dalla normativa penal-tributaria (frode fiscale, omessa presentazione della dichiarazione, occultamento e distruzione delle scritture contabili, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, ecc.) ed ammonta ad circa 129 milioni di euro il valore dei beni loro sequestrati, ai fini della confisca cd. “per equivalente” dal 2008 estesa ai reati tributari.

Sono stati 16.785 i controlli (cd. “strumentali”) volti a riscontrare la corretta osservanza dell’obbligo, incombente su alcune categorie di operatori economici, di emettere, a seconda dei casi, le ricevute e gli scontrini fiscali; ben 10.060, pari al 62,82% del totale, quelli con esito irregolare, consegnando alle statistiche la mancata emissione di tre scontrini su cinque.
Nell’ambito della lotta al cd. “sommerso di lavoro”, sono stati individuati 1.149 lavoratori “in nero” ed oltre 1.255 “irregolari”, impiegati presso 282 datori di lavoro.

LOTTA AL GIOCO ILLEGALE
A tutela del monopolio dello Stato sui giochi, scommesse e concorsi pronostici, sono state eseguite complessivamente, nell’intero territorio della provincia, 320 operazioni a contrasto del gioco d’azzardo tramite apparecchi da divertimento e intrattenimento e dell’esercizio abusivo di scommesse, che hanno portato alla denuncia di 102 persone all’Autorità Giudiziaria, alla segnalazione, in via amministrativa, di 32 persone all’Autorità di Pubblica Sicurezza ed al sequestro di 260 unità, tra personal computer, slot machine e videolottery.

FRODI AI BILANCI PUBBLICI, AGLI SPRECHI E REATI CONTRO LA P.A.
Sul fronte della vigilanza sul corretto impiego delle risorse pubbliche, comunitarie, nazionali e locali, sono state denunciate alla Magistratura 391 persone ed accertate frodi per oltre 141 milioni di euro. Sono, invece, 389 i “falsi indigenti” scoperti, responsabili di false autodichiarazioni volte ad ottenere indebite agevolazioni previste per i meno abbienti.

Sul versante delle frodi al Servizio Sanitario Nazionale sono state 198 le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria, mentre ammontano a 9,5 milioni le truffe scoperte ai danni degli Enti previdenziali ed assistenziali, con 115 persone deferite alla Magistratura. Ammontano, invece, a 397 – di cui 43 arrestate – le persone segnalate all’Autorità Giudiziaria per reati contro la Pubblica Amministrazione, tra pubblici funzionari e privati, mentre, per gli episodi di cd. “mala gestio”, sono stati 307 – tra pubblici funzionari e privati – i segnalati alla Corte dei Conti per avere causato danni all’Erario, per importi che superano i 852 milioni di euro. In tale ambito, ammonta ad oltre 330 milioni il valore degli appalti pubblici irregolari intercettati, con la denuncia di 103 persone, di cui 5 arrestate.

DROGA

L’azione di contrasto al traffico, allo spaccio ed al consumo di stupefacenti, sia sul territorio che presso gli scali aereoportuali e portuali, ha portato al sequestro di 3,1 tonnellate, tra droghe “leggere” (hashish e marijuana) e “pesanti” (393 sono di cocaina ed oltre 8 di eroina), con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 586 persone, di cui 238 in stato d’arresto. Per il consumo personale di stupefacenti sono stati inoltre segnalati alle competenti Prefetture oltre 1.491 assuntori.

TUTELA DEL MERCATO DEI CAPITALI

L’attività nel settore mira al contrasto ai reati societari e fallimentari, al riciclaggio, all’usura, all’abusivismo finanziario, alle truffe ai danni dei risparmiatori ed alla falsificazione dei mezzi di pagamento per finire alla circolazione transfrontaliera di capitali. In tale contesto, sono state denunciate alla Magistratura 528 persone – delle quali 37 arrestate – nonché sequestrati beni, titoli e contanti per oltre 2 milioni di euro ed oltre 28.000 monete e banconote false. In particolare, per quanto attiene all’usura, sono state 15 le persone deferite all’Autorità Giudiziaria, di cui 5 arrestate, ed ammonta a quasi 6,5 milioni di euro il valore dei beni sequestrati. Nel contrasto al riciclaggio, invece, sono state 204 le persone denunciate ed ammonta ad oltre 120 milioni il volume accertato. Di rilievo, l’attività eseguita presso gli scali aeroportuali di Fiumicino e Ciampino, nonché nell’ambito del porto di Civitavecchia, che ha permesso di intercettare movimenti non dichiarati di valuta per oltre 782 milioni di euro – da e verso i Paesi europei ed extraeuropei – con 130 persone verbalizzate ed il sequestro di circa mezzo milione di euro.

CONTRAFFAZIONE MARCHI DI FABBRICA, SICUREZZA PRODOTTI E TUTELA “MADE IN ITALY” 

Anche in attuazione del patto per “Roma Sicura”, l’imponente dispositivo dispiegato ha portato alla denuncia di 1.372 persone, nonché al sequestro di circa 20 milioni di pezzi di merce contraffatta, dai capi di abbigliamento e di pelletteria ai giocattoli, cosmetici e calzature, con un incremento complessivo pari al + 22% rispetto al 2013. A questi numeri contribuiscono oltre 9,6 milioni di pezzi sequestrati per violazioni alla normativa sulla sicurezza dei prodotti, di cui è stata scongiurata l’immissione sul mercato (prodotti medicali, cosmetici, occhiali e giocattoli).

CONTRASTO ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

A seguito di accertamenti sulle possidenze immobiliari e mobiliari, in applicazione della normativa antimafia (art. 12-sexies della Legge 356/1992 e misure di prevenzione patrimoniali previste dal D.Lgs. 159/2011), i Reparti dipendenti da questo Comando Provinciale hanno sottoposto a sequestro beni immobili e mobili, per un valore di oltre un miliardo, mentre ammontano a circa 98 milioni il valore dei cespiti oggetto di confisca, per un netto incremento rispetto al 2013

AMBIENTE

Dieci sono le discariche poste sotto sequestro, in cui erano stati depositati rifiuti speciali e materiali pericolosi, specie eternit, pregiudizievoli per la salute pubblica, mentre 44 e 79 sono le persone, rispettivamente denunciate e verbalizzate in via amministrativa, per varie violazioni alla normativa ambientale.

CODICE PENALE, PUBBLICA SICUREZZA E POLIZIA STRADALE

Lusinghiero appare il bilancio del controllo economico del territorio e del contrasto ai traffici illeciti, disimpegnati principalmente dai “Baschi Verdi” ed, in minor misura, dagli altri Reparti sparsi sul territorio. In tale ambito, sono state oltre 1.760 le persone denunciate per reati comuni e l’inosservanza della normativa di Pubblica Sicurezza, di cui 133 arrestate, oltre al sequestro di oltre 63 armi – tra pesanti e leggere – e 884 armi bianche.
Degna di rilievo è stata la presenza delle unità specializzate del Corpo nel concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, testimoniata da oltre 851.000 ore lavorate per garantire il pacifico e regolare svolgimento, nella Capitale, di eventi e manifestazioni, di carattere politico, sindacale e sportivo.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.