3 dicembre 2016

L’intervista a Monica Sarnelli, la voce di Napoli

Monica Sarnelli è la voce di Napoli che ogni sera per cinque volte a settimana entra nelle case di milioni di italiani ed annuncia l’inizio di una nuova puntata della soap “Un Posto al Sole”. Soprattutto Monica Sarnelli rappresenta l’essenza dell’arte napoletana, una sorta di moderna Parthenope, la cui voce è una freccia che colpisce il cuore e delizia l’anima.

Abbiamo intervistato la cantante per percorrere insieme il suo percorso artistico, iniziato nel 1981: “Partecipai – racconta – ad un concorso per cantautrici con una canzone in lingua napoletana scritta da me e vinsi, così, il premio della critica. In quell’occasione ebbi modo di conoscere il grande giornalista Mario Luzzato Fegiz, dal quale ricevetti molti complimenti. Dopo quel concorso stipulai un contratto discografico con la EMI di Milano”.

Amo” è il primo 45 giri prodotto dalla EMI: “Ricordo– dice – che il produttore artistico era Andrea lo Vecchio, ma i tempi erano prematuri. Non ero ancora pronta per il grande pubblico e così decisi che avrei dovuto farmi le ossa come corista di artisti come Dario Baldambembo, Little Tony, Wess e Dori Ghezzi. In studio, poi, ho avuto collaborazioni con Gino Paoli, Antonello Venditti e Loredana Bertè. In seguito sono stata la vocalist di Peppino Di Capri, il quale è stato il mio più grande maestro, dotato di grande professionalità”.

Nel 1993 il primo album, “Plays”: “Fu – svela – un ‘idea di mio marito Dario Andreano, anche lui musicista e appassionato di musica. Racchiudeva i brani che facevamo con la band nei club più famosi di Napoli. In particolare era la The Torchio’s Band, in omaggio del grande Totò e del suo film <La Banda del Torchio>”.

11160119_10205030445134051_1023968483_nLa sigla di “Un Posto al Sole” e la trasmissione “Ritmi Urbani” sono due passaggi importanti della carriera di Monica Sarnelli: “La sigla – continua – è nata nel 1996, dopo essere stata contattata dall’autore e maestro Antonio Annona. Ricordo che da Ritimi Urbani uscirono fuori artisti come Peppe Iodie e Alessandro Siani, i quali all’epoca erano agli esordi. Grazie a questa trasmissione, ho avuto modo di divertirmi e conoscere grandi personaggi come Roberto Vecchioni, Biagio Antonacci, Giorgia, Emy Stewart, Massimo Ranieri e tanti altri”.

Nel 2011 il debutto al Teatro Sannazaro con “Napoli Plebiscito Italia” scritto insieme al marito: “Al Sannazaro – sottolinea – portammo un racconto della mia vita artistica, ripercorrendo le canzoni del mio repertorio musicale a partire dal concerto del 19 settembre 1981 di Piazza del Plebiscito, dove c’era l’immenso Pino Daniele; c’ero anch’io dietro le quinte, come artista della EMI (Pino all’epoca era anche lui artista EMI)”.

Napoli e Monica Sarnelli, un legame particolare: “Con Napoli – osserva – ho un rapporto di odio e amore. Non mi piacciono i concittadini che non rispettano le regole; così non rispettano neanche la città. La musica all’ombra del Vesuvio è in continua evoluzione e ci sono numerosi talenti che si affacciano al mondo artistico, non solo quello legato alla musica. D’altronde Napoli è una città musicale, grande ispiratrice”.

Uno sguardo al presente e al futuro: “Nel gennaio di quest’anno – conclude – ho debuttato al Teatro Cilea con lo spettacolo <Sirene Sciantose Malafemmene ed altre storie di donne veraci> che vuol essere un omaggio alle donne della canzone napoletana e alle donne nella canzone napoletana. Le musiche di questo spettacolo sono state raccolte in un Cd, già presente negli store musicali”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.