3 dicembre 2016

Roma. Metro B1, alle 5.30 aperta la nuova stazione Jonio

Nel giorno del Natale di Roma il regalo arriva per i suoi cittadini. È partità infatti alle 5.30 di stamattina la prima corsa della metro B1 dal capolinea definitivo di Jonio, aperto dopo quasi tre anni dall’inaugurazione del primo tratto Bologna-Conca d’Oro, dando via a una vera e propria rivoluzione nel quadrante Nord della Capitale che riguarderà anche il trasporto di superficie.

DIECI ANNI DI LAVORI – La diramazione della metropolitana blu della Capitale, quindi, dopo quasi 10 anni dall’apertura dei primi cantieri (era il novembre 2005) è terminata: la nuova stazione, situata all’incrocio tra viale Jonio e via Scarpanto, a due passi da piazzale Jonio, tra Tufello e Val Melaina, è stata completata dopo quasi sei anni di lavori (da novembre 2009) e andrà ad aggiungersi alle fermate di Sant’Agnese/Annibaliano, Libia e Conca d’Oro.

I COSTI – L’ultimo tratto della B1 tra Conca d’Oro e Jonio è costato in tutto 220 milioni di euro (interamente a carico del Campidoglio) per una lunghezza di 1,5 chilometri, contro i 520 milioni (53% Campidoglio, 47% Stato) per 3,9 chilometri delle prime tre stazioni da Bologna a Conca d’Oro.

IL NUOVO PARCHEGGIO – Per ora, come spiega l’Agenzia per la mobilità, l’unico ingresso accessibile sarà quello su via Scarpanto, ma in futuro si potrà entrare in metrò anche direttamente da viale Jonio. La struttura della nuova stazione è imponente: quattro piani collegati da scale meccanizzate e ascensori che portano ai tornelli e poi direttamente sulle banchine; si aggiungono poi percorsi dedicati agli utenti diversamente abili. Andando a servire un imponente quadrante del III (ex IV) Municipio, soprattutto verso Fidene, Bufalotta e Porta di Roma, la nuova stazione è stata dotata di un parcheggio di scambio da oltre 250 posti auto e 57 stalli per le moto. L’ingresso della struttura multipiano è da via Gran Paradiso, l’orario di apertura sarà dalle 5.15 alle 0.15 da domenica a giovedì e dalle 5.15 alle 2.15 il venerdì e sabato. Il costo della sosta per le prime 12 ore consecutive sarà di 1.50 euro, mentre sino a 16 sarà di 2.50.

LA RIORGANIZZAZIONE DEI BUS – Da oggi parte anche la prima delle due fasi del piano di riorganizzazione della rete di bus che collega le zone più esterne del Municipio alla stazione. In particolare, la linea 69 che collega Montesacro Alto con Prati Fiscali verrà potenziata nelle ore di punta, mentre il 90, oltre a un maggior numero di corse, effettuerà una nuova fermata, in entrambe le direzioni, lungo via delle Isole Curzolane a pochi passi da via Scarpanto. Potenziato anche il servizio del 336 che garantisce i collegamenti con Fidene e che mantiene il suo capolinea a Conca d’Oro.

A cambiare percorso, invece, saranno le linee di bus 338 e 435. La prima, una volta nei pressi della nuova stazione, proseguirà fino a piazzale Jonio, mentre a Porta di Roma non transiterà più in viale Cesco Baseggio, via Mario Soldati, e via Carmelo Bene. Per il 435, invece, si tratta di un ritorno al passato. La linea, che sarà potenziata con corse aggiuntive, non arriverà più a Conca d’Oro ed effettuerà una nuova fermata in viale Tirreno all’altezza dell’incrocio con via Valle Scrivia. La riorganizzazione proseguirà con una seconda fase che prevede la modifica dei percorsi delle linee 339, 342 e 349 finalizzata al miglioramento dei collegamenti con Vigne Nuove e Tufello. Con l’apertura di Jonio non cambiano gli orari della B1, con partenze dei treni tra le 5.28 e le 23.28, da domenica a giovedì, e tra le 5.28 e l’1.26, il venerdì e il sabato.

SI ‘ALLUNGA’ ANCHE LA METRO C – Buone notizie anche per la terza metropolitana della Capitale. Entro la fine di aprile, altre sei stazioni della linea C della metropolitana, da Centocelle a piazzale Lodi, saranno pronte per avviare la fase di pre-esercizio. Ma il 30 aprile non sarà una data importante soltanto per la consegna delle stazioni, bensì un’occasione per romani e turisti per conoscere i dettagli di un’opera destinata, nei piani del Campidoglio, a cambiare le loro abitudini. Sarà infatti l’Open Day della metro C, un’intera giornata per scoprire le nuove fermate della metropolitana con il coinvolgimento degli operatori commerciali, dei presidenti dei Municipi interessati dalle nuove stazioni e anche delle scolaresche. Il 30 aprile, infatti, gli alunni di diverse scuole del territorio visiteranno le nuove stazioni che, per l’occasione, saranno aperte tutto il giorno: Mirti, Gardenie, Teano, Malatesta, Pigneto e Lodi.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.