9 dicembre 2016

Mattarella: “Strage di innocenti, tutti facciano di più”

“Sono giorni segnati da qualche difficoltà, che scuotono le istituzioni europee e interpellano nel profondo il nostro stesso senso di umanità. Centinaia di profughi e di migranti sono morti ancora nel mediterraneo.

Siamo di fronte a tragedie sconvolgenti: trafficanti di essere umani che provocano stragi di innocenti”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella torna sul tema delle morti di migranti nel Mediterraneo.

Durante la cerimonia al Quirinale in occasione della giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, ribadisce: “È dovere nostro, dell’Europa, dell’intera comunità internazionale, fare di più per impedire queste stragi”. Rivolgendosi direttamente agli studenti presenti, Mattarella conclude: “La scuola, il mondo della cultura, voi giovani, siete risorsa indispensabile per un rilancio della solidarietà, per l’affermazione di una cultura di pace, per un riconoscimento condiviso del bene comune”.
“Sono giorni segnati da qualche difficoltà, che scuotono le istituzioni europee e interpellano nel profondo il nostro stesso senso di umanità. Centinaia di profughi e di migranti sono morti ancora nel mediterraneo.

Siamo di fronte a tragedie sconvolgenti: trafficanti di essere umani che provocano stragi di innocenti”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella torna sul tema delle morti di migranti nel Mediterraneo.

Durante la cerimonia al Quirinale in occasione della giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, ribadisce: “È dovere nostro, dell’Europa, dell’intera comunità internazionale, fare di più per impedire queste stragi”. Rivolgendosi direttamente agli studenti presenti, Mattarella conclude: “La scuola, il mondo della cultura, voi giovani, siete risorsa indispensabile per un rilancio della solidarietà, per l’affermazione di una cultura di pace, per un riconoscimento condiviso del bene comune”.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.