3 dicembre 2016

Italicum. La mossa di Renzi anti voto segreto

La mossa finale del governo per evitare di venire battuto in aula alla Camera sull’Italicum? La fiducia su ogni singolo articolo del testo sulla legge elettorale. E’ quanto si vocifera nei corridoi della Camera mentre in commissione Affari costituzionali M5s, Sel, Fi e Lega hanno annunciato l’Aventino per protesta contro le sostituzioni dei dieci deputati Pd dissidenti.

L’idea viene confermato all’Agenzia Dire da fonti di Palazzo Chigi, sarebbe di porre non una sola fiducia sul testo complessivo ma quattro distinte fiducie (gli articoli dell’Italicum sono infatti quattro) eliminando quindi la possibilità di voto segreto su singoli emendamenti.

Gli esponenti di vertice del Pd, ma anche il ministro Boschi, hanno sempre detto che la fiducia sarebbe ‘l’extrema ratio’. E questa potrebbe essere sollecitata proprio dal rischio che in aula si crei un asse minoranze Pd-opposizioni che nel segreto dell’urna manderebbe sotto la maggioranze e l’esecutivo.

I tecnici di Palazzo Chigi e gli Uffici della Camera, viene spiegato, sono in queste ore al lavoro per studiare ogni ipotesi e la sua applicabilità in termini di regolamento. Anche perchè per Renzi il problema vero potrebbe arrivare dal voto finale sul testo. A Montecitorio infatti, contrariamente al Senato dove c’e’ un’unica votazione, il regolamento stabilisce che dopo il passaggio della fiducia sui provvedimenti l’aula proceda a votare sull’intero testo. La legge elettorale rientra in quelle materie su cui, in base all’articolo 49 del regolamento, puo’ essere chiesta, e venire concessa, la votazione a scrutinio segreto che le opposizioni potrebbero chiedere in questo secondo e ultimo passaggio. A quel punto sarebbe richiesto sul voto segreto un parere alla presidente della Camera Laura Boldrini che potrebbe convocare la Giunta per una decisione.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.