3 dicembre 2016

Fiumicino – Velli: “Campi di accoglienza, ipocrisia e guadagni illeciti.”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Il Movimento 5 stelle non e’ una forza razzista, ma l’immigrazione e’ un fenomeno incontrollato che mette a dura prova i cittadini italiani, specialmente coloro che questi centri di accoglienza ce li hanno vicino a casa.

Il problema esiste perché si vuole cosi’, i centri di accoglienza sono tutti delle stesse cooperative perché ci si deve lucrare sopra.
Si e’ scelto di non scegliere e di lasciare che la malavita organizzata trovasse un altro e terribile modo di fare soldi sulle vite di esseri umani, finchè il problema è diventato talmente grande da toccare anche noi nella nostra quotidianita’, e allora l’immigrazione e’ diventato un tema di attualita’ urgente.

Sull’immigrazione il dibattito e’ necessario: ma non c’e’ bisogno di nuove leggi, basta rispettare i trattati, ci sono persone che possono stare sul suolo italiano e altre che devono andarsene.
Sarebbe assurdo non accogliere sul nostro territorio gente onesta che cerca un futuro migliore, in tempi non lontani anche gli Italiani sono emigrati verso la Germania e gli Stati Uniti e chiudere le porte in faccia a gente che fugge da guerre e persecuzioni non è degno di una societa’ che voglia dirsi civile.

Per quanto riguarda i campi nomadi, l’inchiesta su Mafia Capitale ha portato a galla anche l’illecito business milionario sulla gestione dei campi Rom.
Basta fare un passo indietro di qualche anno per scoprire che a finanziare con decine di milioni di euro i campi Rom, compresi quelli della Capitale, e a impedirne la chiusura come invece sollecita l’Unione europea, fu proprio la Lega Nord, per mano dell’allora Ministro degli Interno Roberto Maronie dai suoi decreti emergenziali firmati nel 2009, con i quali il Ministro finanzio’ anche il famigerato ‘piano nomadi’ varato dalla Giunta Alemanno.

Le linee guida della Commissione europea prevedono il superamento dei campi. Obiettivo ribadito pochi giorni fa nella lettera inviata dalla Commissione Ue al Governo italiano. Una strada chiara e non negoziabile, da perseguire a Roma, Napoli, Bologna e nelle altre città che hanno visto la nascita di piccoli e mega-campi monoetnici.
Per questo a partire da Roma – dove per appena 1200 famiglie rom la gestione dei campi ha comportato un esborso di risorse pubbliche pari di ben 25 milioni di euro solo nel 2013 – è necessario un piano di conversione delle risorse pubbliche attualmente impiegate nella gestione dei campi e dei servizi annessi, in percorsi concreti di carattere abitativo e lavorativo sul modello proposto dalle linee di finanziamento europeo.

Da una parte abbiamo chi soffia sul fuoco di emergenze sociali – come quella dei nomadi e dell’immigrazione clandestina – che non è mai stata in grado di risolvere e che, soprattutto, ha contribuito ad alimentare.
Dall’altra abbiamo chi fa finta di lottare per l’inclusione dei nomadi e degli immigrati, ma in realtà specula e mangia su questa situazione esattamente come tutti gli altri, come testimoniano foto imbarazzanti di allegre tavolate bipartisan a cui siede anche il boss del clan dei nomadi Casamonica insieme all’allora sindaco di Roma Alemanno ed all’attuale ministro Poletti !

Percio’ è evidente che i centri di accoglienza non sono assolutamente un mezzo per l’integrazione degli immigrati nella societa’ , ma piuttosto ipocrisia buonista dietro cui si nascondono ghetti , che hanno il solo scopo di lucrare sulle disgrazie dei piu’ deboli e di favorire guadagni illeciti, cosi’come le intercettazioni telefoniche di Mafia Capitale ci hanno chiarito una volta per tutte.

Se l’Amministrazione Comunale vuole davvero interrompere quella spirale di illegalita’ e sofferenza contro la cui esistenza si è espressa chiaramente anche l’Unione Europea, e che ha il solo scopo di arricchire i disonesti, ci aspettiamo che metta in campo delle politiche sociali diverse dai centri di accoglienza, partendo dall’integrazione degli 11.000 immigrati che gia’ vivono sul nostro territorio.

[/quote]

In una nota Fabiola Velli Portavoce Movimento 5 stelle Fiumicino