7 dicembre 2016

MotoGP, Argentina: la pagella del Dicos

VALENTINO ROSSI 110 e LODE: L’alfiere della Yamaha coglie il centodecimo successo. Nelle prove, stranamente, arranca, ma si sa, lui è un animale da gara e che animale! Fa montare gomme durissime alla sua M1 e la sinfonia cambia. A meno quindici tornate è secondo con un distacco dal battistrada di oltre quattro secondi. Lui, però, ci crede e a meno due giri supera Marquez alla sua maniera. Una cosa, però, non mi torna da certi miei colleghi. L’anno scorso Stefan Bradl fu accusato di reato di lesa maestà; quest’anno cosa ha fatto cambiare il metro di giudizio e perché urlano di errore di Marquez? Rossi, invece, ha lanciato un messaggio chiaro a Marc ed è andata bene che nessuno si sia fatto male. Trovo la sua manovra molto ma molto dentro quella sottile linea grigia che separa ciò che è permesso e sportivo, da ciò che non lo è; qualche dubbio l’ho. Rossi, però, è un maestro nello sfruttare a proprio vantaggio queste situazioni. Il solito!

ANDREA DESMODOVI 9: Tre secondi posti su tre gare per il numero 4. Questa volta non c’è vero duello con Rossi ma il Dovi è di nuovo concreto. La vittoria è nell’aria, mentre la lotta per il titolo inizia ad essere una concreta possibilità. Ottimo ed abbondante!

CUL CRUTCHLOW 8,5: L’inglese beffa Iannone e conquista l’ultimo gradino del podio al termine di una prova coriacea. Il feeling con la Honda è aumentato e questo gli permette di esprimersi al meglio. In veste di pilota privato festeggia con i migliori della classe, risultato che premia il suo sforzo e quello del team. Bravo!

ANDREA DESMOIANN 7: Bello e efficace nelle qualifiche ma avulso in gara. Non vorrei che l’abruzzese cominciasse a soffrire la consistenza del compagno di squadra. A mio parere deve avere la pazienza di capire meglio come gestire la moto nelle fasi finali di gara. Forza!

JORGE LORENZO 6: E’ arrivato il terzo indizio e con esso la prova; ha sbagliato a rimanere in Yamaha. A guardarlo non sembra vero che fino a pochi mesi fa era un formidabile e vincente martello pneumatico. Con l’anteriore della Bridgestone non si trova proprio…Lontano parente di se stesso, come mai?

MARC MARQUEZ: Secondo me non ha commesso nessun errore perché trattasi, in fondo, di particolari dinamiche di gara. Ha conosciuto meglio l’avversario leader in classifica. Scommettiamo che tornerà a farci divertire sin dal prossimo gran premio?

YAMAHA: In difficoltà nelle prove, missile con Rossi. Così rapida che in gara va come in qualifica, sempre solo con Rossi però…..

DUCATI: La competitività è raggiunta. Occorre fare solo l’ultimo passo decisivo.

HONDA: Una moto privata sul podio in questa MotoGp vale come una vittoria.

SUZUKI: Quando sarà veloce in gara come lo è in qualifica, saranno uccelli per diabetici per tutti….

APRILIA: Ancora lontana….

BRIDGESTONE: Permettono a Rossi in qualifica, con la mescola morbida, serbatoio vuoto e motore senza tagli di girare a 1’38.890. Sempre a Rossi, in gara consentono con una mescola extra dura, dopo ben venti passaggi, di girare a 1’39.019; miracolose!

TELECRONACA: Cosa si può scrivere di chi racconta le gesta di uno solo, di chi sembra gufare chi è davanti al proprio favorito e che rispetta gli avversari del pilota del cuore con urla “E’ cotto!” o “Gioca come il gatto con il topolino”? Nulla.

Foto: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.