6 dicembre 2016

Mondiale SBK – Assen, Rea continua la sua marcia perfetta

La prima gara del quarto round WorldSBK, andata in scena al TT Circuit Assen, ha regalato grandi emozioni, con un finale che ha visto Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) prendere il largo grazie ad un incredibile giro in 1’35.889, nuovo record della pista, incredibilmente fatto segnare al penultimo passaggio della corsa. Questo leggero allungo ha permesso al nordirlandese di vincere le resistenze di Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team), secondo alla bandiera a scacchi. Per Rea si tratta del quinto successo su sette gare in stagione, un ruolino di marcia assolutamente incredibile, che in soli quattro round gli ha permesso di migliorare il suo record di vittorie in stagione e di portare a ben venti il numero di affermazioni nella categoria.

Michael van der Mark (Pata Honda World Superbike), nonostante una difficile partenza, ha regalato ai tifosi di casa una prestazione eccezionale, chiudendo sul gradino più basso del podio dopo aver avuto la meglio su Leon Haslam (Aprilia Racing Team – Red Devils) nonostante una messa a punto evidentemente non ottimale.

Quarto posto per un Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) in leggera difficoltà da metà gara in avanti: il pilota inglese ha comunque preceduto gli spagnoli Jordi Torres (Aprilia Racing Team – Red Devils) e Xavi Fores (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team), con Sylvain Guintoli (Pata Honda World Superbike), Nico Terol (Althea Racing Team Ducati) e Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse) a completare la top-10.

Fuori gioco entrambi i piloti Voltcom Crescent Suzuki, ironicamente alla stessa curva (la numero 1) nel corso dell’ottavo passaggio. Per Lowes si tratta di un’altra difficile prestazione, dopo un inizio di gara decisamente promettente. Ritiro per Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia), mentre un altro punto arriva al Team Hero EBR da parte di Niccolò Canepa, quindicesimo.

Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.