8 dicembre 2016

Mondiale SBK – Assen, Rea: “Avevo tanta pressione addosso per questa gara”

Il sempre più dominatore di questa prima parte di stagione WorldSBK, Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha nuovamente monopolizzato il gradino più alto del podio, a due mesi di distanza dalla prima doppietta del 2015 conquistata in Thailandia, nella giornata di gare del round olandese ad Assen.

Dopo aver condotto in testa la totalità di gara 1, Rea ha preso le redini della seconda corsa dal compagno di squadra Tom Sykes, difendendosi prima dai suoi attacchi e successivamente da quelli portati Chaz Davies (Ducati), che ha chiuso dietro di lui entrambe le gare. Nonostante i cambi di mescola al posteriore tra le due manche, Rea è riuscito comunque a fare la differenza nel finale, soprattutto in quello di gara 1 nel quale, al ventesimo giro, è riuscito a riscrivere il giro record grazie al crono di 1’35.889. Con sei vittorie su otto gare, Rea si trova ora a 190 punti, ben 50 in più del suo diretto inseguitore Leon Haslam (Aprilia).

“Sono felicissimo di aver vinto entrambe le gare qui” ha ammesso Rea. “Oggi è andato tutto in modo fantastico e, così come in Thailandia, ora mi devo godere il momento. C’era molta pressione su di me per questa trasferta poiché tutti parlavano del fatto che questo è smepre stato il mio circuito e, per questo motivo, sono contento di essere riuscito a portare a casa il risultato. Abbiamo scelto una mescola differente al posteriore in gara 2 ed è andata bene, è stata una corsa un po’ diversa perché Tom ha dettato un passo veloce già dall’inizio. Quando Chaz mi ha sopravanzato ed ho visto Tom rallentare sapevo che sarebbe potuta finire nel caos, per questo motivo volevo tornare in testa e fare mia la gara. Questa doppietta la dedico ai miei meccanici, che hanno lavorato senza sosta ed alla gente di KHI. Spero che riusciremo a fare qualcosa di simile ad Imola, anche se questa giornata è davvero speciale”:
Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.