5 dicembre 2016

Giornata globale d’azione contro il trattato TTIP

532 eventi in tutto il mondo, di cui 66 negli Usa, 53 Paesi euro­pei mobi­li­tati ma anche Giap­pone, Filip­pine, Ecua­dor e Mes­sico, dove il coor­di­na­mento inter­na­zio­nale dei sin­da­cati dei ser­vizi Psi tiene la sua Con­fe­renza inte­ra­me­ri­cana e por­terà in Piazza della Rivo­lu­zione a Mexico City tutti i suoi soste­ni­tori. La Gior­nata glo­bale d’azione con­tro il Trat­tato tran­sa­tlan­tico su com­mer­cio e ser­vizi (Ttip) e la libe­ra­liz­za­zione com­mer­ciale sel­vag­gia, che si cele­brerà sabato 18 aprile, occu­perà anche le piazze di oltre 30 città ita­liane, dove la Cam­pa­gna Stop Ttip Ita­lia e le sue oltre 270 orga­niz­za­zioni pro­mo­trici, con flash mob, volan­ti­naggi, incon­tri, per­for­mance musi­cali e tea­trali lan­ce­ranno un mes­sag­gio chiaro di sfi­du­cia al Governo ita­liano, tra i più forti soste­ni­tori del Ttip, e a Bru­xel­les la richie­sta chiara di fer­mare al più pre­sto un nego­ziato tanto peri­co­loso quanto ancora in larga parte secre­tato. Un trat­tato che mira ad abbat­tere fino all’80% dei rego­la­menti e degli stan­dard che osta­co­lano oggi la cir­co­la­zione di merci e ser­vizi tra noi e gli Usa, già al momento deci­sa­mente acce­le­rata, ma che sono in gran parte stru­menti di garan­zia dei diritti dei cittadini.

Il Ttip andrebbe, per di più, a costi­tuire almeno tre nuove para-istituzioni tran­sa­tlan­ti­che che lavo­re­reb­bero in per­ma­nenza e fuori dal rag­gio d’azione di isti­tu­zioni e orga­ni­smi nazio­nali e regio­nali a spia­nare sem­pre più regole e misure che ci dif­fe­ren­ziano, avendo come unico obiet­tivo la faci­li­ta­zione commerciale.

Il momento non potrebbe essere più azzec­cato per­ché nella set­ti­mana suc­ces­siva, a New York, Ue e Usa si incon­tre­ranno per il nono ciclo di nego­ziati del Ttip. In que­gli stessi giorni Obama capirà se il Con­gresso gli con­ce­derà una cor­sia pre­fe­ren­ziale (fast track) per trat­tare tutti gli accordi com­mer­ciali in soli­ta­ria prima della sca­denza del suo man­dato, senza dover rife­rire e atten­dere appro­va­zione alle sue deci­sioni, pro­prio come la Com­mis­sione euro­pea ha otte­nuto per se’ fin dall’inizio. Che le cose però alla squa­dra Jun­ker non vadano così lisce come pre­vi­sto lo dimo­strano i pareri che le Com­mis­sioni del Par­la­mento euro­peo stanno votando e inviando alla Com­mis­sione com­mer­cio, inca­ri­cata di ela­bo­rare e sot­to­porre al voto del Par­la­mento una mozione sul nego­ziato in corso. La Com­mis­sione ha fatto capire ai gruppi che la sosten­gono, social­de­mo­cra­tici e popo­lari, che con­si­dera il voto sul Ttip una sorta di refe­ren­dum poli­tico pro-Europa, e sta pre­mendo per otte­nere un man­dato forte su una piena e rapida libe­ra­liz­za­zione com­mer­ciale e regolamentare.

L’azione costante di pres­sione e infor­ma­zione della Cam­pa­gna Stop Ttip, ormai dif­fusa in 25 Paesi d’Europa e in cre­scita anche negli Usa, sta dando i suoi primi evi­denti risul­tati. La Com­mis­sione agri­col­tura (AGRI), in cui l’ex mini­stro ita­liano Paolo De Castro ha fatto di tutto per­ché emer­ges­sero i magici bene­fici del Ttip sulla nostra eco­no­mia, ha appro­vato invece con soli 9 voti di stacco (27/18) un parere che impe­gna la Com­mis­sione Ue a non met­tere a rischio il tes­suto pro­dut­tivo agroa­li­men­tare, tenendo al cen­tro la tutela delle misure sani­ta­rie, fito­sa­ni­ta­rie e delle indi­ca­zioni geo­gra­fi­che con tale chia­rezza che con­senta al Par­la­mento tempo suf­fi­ciente per discu­tere a fondo con cit­ta­dini e pro­dut­tori, soprat­tutto i più pic­coli. Si chiede, per di più, un impe­gno fermo al “rigido rispetto” degli stan­dard euro­pei di sicu­rezza ali­men­tare, della pro­te­zione dei con­su­ma­tori, della salute, dell’ambiente e degli ani­mali, e di far sì che non ven­gano dan­neg­giati in futuro.

A dimo­stra­zione che nem­meno gli euro­de­pu­tati della mag­gio­ranza son con­vinti che la linea della Com­mis­sione sia abba­stanza ferma su que­ste prio­rità. La Com­mis­sione Ambiente (Envi) ha appro­vato, invece, a schiac­ciante mag­gio­ranza (59/8) un parere net­ta­mente con­tra­rio all’introduzione di un mec­ca­ni­smo di pro­te­zione degli inve­sti­tori extra giu­sti­zia ordi­na­ria (il fami­ge­rato Isds); si chiede l’esclusione secca di alcuni temi come il ser­vi­zio sani­ta­rio nazio­nale, gli Ogm, l’uso di ormoni negli alle­va­menti, la rego­la­zione della chi­mica e la clo­na­zione dal rag­gio d’azione pre­sente e futuro del Ttip; si chiede il non abbas­sa­mento degli stan­dard di sicu­rezza e qua­lità pre­senti e futuri, oltre ad una lista espli­cita di quelle aree di rego­la­zione dove, invece, si intende cooperare.

Il voto in Par­la­mento sul parere defi­ni­tivo, pre­vi­sto per ini­zio mag­gio, è stato fis­sato a Stra­sburgo per la prima set­ti­mana di giu­gno, dimo­strando che quanto più cre­scono infor­ma­zione e dibat­tito tra le due sponde dell’Atlantico, tanto più il Ttip mar­cia in salita. Per que­sto il 18 aprile siamo tutti invi­tati a “sma­sche­rare” a Roma in piazza del Pan­theon, in Piazza Duomo a Milano, a Firenze, Bolo­gna, Modena Napoli, Bari, Cosenza, Cata­nia e in altre decine di città ita­liane, il trat­tato fan­ta­sma che in molti vole­vano rima­nesse tale. Per la mappa delle ini­zia­tive in con­ti­nuo aggior­na­mento si trova sul sito della cam­pa­gna stop​-ttip​-ita​lia​.net.

*vice­pre­si­dente di Fair­watch, tra i pro­mo­tori della cam­pa­gna Stop TTIP Italia

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.