6 dicembre 2016

Roma – Immigrazione, Tredicine: “Castronerie le dichiarazioni della Boldrini.”

Di fronte all’imponenza della castroneria sull’obelisco del Foro Italico (imponente più dello stesso obelisco) sparata giovedì dalla presidente della Camera Laura Boldrini alla fine della cerimonia a Montecitorio per il 70esimo anniversario della Resistenza, quella di ieri sulle politiche di inclusione delle comunità rom e sinti, partorita stavolta in Campidoglio in occasione delle celebrazioni per il 40esimo anniversario di Amnesty International Italia, è evidentemente passata in secondo piano oscurata dalla lunga ombra del monumento simbolo, come l’architettura dell’Eur, del Ventennio. In realtà, la seconda non ha niente da invidiare alla prima in termini di portata. Anzi, forse la supera”.

Lo dichiara, in una nota, il vice coordinatore regionale del Lazio di Forza Italia, Giordano Tredicine. “Secondo la Boldrini, infatti – continua Tredicine – saremmo ‘drammaticamente indietro nelle politiche di inclusione delle comunità rom e sinti dove abbiamo fatto pochissimi sforzi e spesso inconsistenti’. Un’ affermazione che difronte ai 24 milioni di euro spesi in un solo anno da Marino per interventi e progetti di inclusione rivolti ai rom e sottratti ai romani, il 25% dei quali, secondo i dati resi dall’Istat lo scorso 30 ottobre a rischio povertà ed esclusione sociale, se non supera quella sull’obelisco del Foro Italino si aggiudica senz’altro, quantomeno, il pari merito”. “Invece di preoccuparsi di cancellare il passato e pungolare le nostre coscienze a fare sforzi maggiori e più consistenti per integrare i rom, la Boldrini provi a scrivere qualche pagina di futuro e, maggiori e più consistenti sforzi per l’inclusione, li chieda a chi, nonostante le centinaia di milioni di euro spesi, o meglio sprecati, di integrarsi non ne vuole sapere niente” conclude Tredicine.