9 dicembre 2016

Whirpool taglia ancora: 1350 esuberi e chiusure di impianti

La Whirlpool annuncia 1.350 esuberi e la chiusura degli stabilimenti di Caserta, Albacina e None. E’ stato il coordinatore di settore della Uilm nazionale Gianluca Ficco a dare la notizia. Contrario il governo, che tramite una nota del Ministero dello Sviluppo Economico annuncia “forte contrarietà”.

La multinazionale americana, nonostante un piano di investimenti di cinquecento milioni in quattro anni e nonostante la prospettiva di un incremento dei volumi produttivi complessivi in Italia, ha dichiarato 1.350 esuberi, di cui 1.200 nelle fabbriche e 150 nei centri ricerca, annunciando la chiusura dello stabilimento di Caserta in cui lavorano più di ottocento persone, la cessazione di uno dei due stabilimenti di Fabriano (Ancona), precisamente quello di Albacina i cui seicento lavoratori secondo il progetto aziendale dovrebbero essere trasferiti nella vicina fabbrica di Melano, e la dismissione del sito di None (Torino) dove attualmente ci sono novanta addetti fra il magazzino e il centro ricerche.

«La chiusura dell’impianto di Caserta è una decisione che aggiunge ulteriore disagio sociale in una regione già desertificata dal punto di vista industriale e occupazionale. Un prezzo altissimo che la Campania non si può permettere». Lo dichiara il deputato campano di Sel Ciccio Ferrara, componente della commissione attività produttive di Montecitorio. «Il nostro Mezzogiorno, prosegue l’esponente campano di Sel, già fortemente penalizzato da un alto tasso di disoccupazione ha bisogno di investimenti e lavoro per superare la crisi. Il governo costringa l’azienda a rivedere i suoi piani garantendo il lavoro in Campania e la smetta con la propaganda sull’occupazione», conclude Ferrara.

Un piano industriale con “scelte importanti” per l’Italia, ma che contiene anche “decisioni di chiusure che non possiamo condividere”. Cosi’ Michela Spera, segretaria nazionale Fiom, e Gianni Venturi, coordinatore nazionale per il gruppo Whirlpool-Indesit, dopo l’incontro al ministero dello Sviluppo, durante il quale Whirpool ha illustrato il piano industriale del Gruppo dopo l’acquisizione di Indesit. “Quello presentato oggi è un piano che, se da un lato contiene scelte industriali importanti per il nostro paese sia in termini di investimenti che di volumi produttivi, con il rientro di produzioni attualmente fatte in Cina, in Turchia e in Polonia, dall’altro contiene la decisione di chiudere lo stabilimento ex Indesit di Carinaro in Campania e, seppur in tempi piu’ lunghi, la chiusura del centro di None in Piemonte” spiegano i due sindacalisti in una nota congiunta. Decisioni di chiusure che non possiamo condividere”, proseguono i due sindacalisti sottolineando che “a Carinaro sono piu’ di 800 i lavoratori e le lavoratrici oggi occupati che si aggiungono alle migliaia di posti di lavoro già spazzati via”. La Campania “sta pagando un prezzo altissimo in termini di occupazione”, tanto che “non siamo piu’ in presenza di singole vertenze ma di fronte a una vera e propria ‘vertenza Campania’ su cui il Governo e la Regione devono dire cosa intendono fare e su cui chiediamo loro di intervenire immediatamente”. Per accompagnare il confronto sindacale che partira’ il 20 aprile, “ancora una volta i lavoratori di Whirlpool dovranno mettere in campo iniziative e mobilitazioni”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.