3 dicembre 2016

Calcio – Pioli: “Con la Juventus non è gara scudetto”

“Anche se dovessimo vincere con la Juventus non cambierebbe nulla in chiave scudetto, visto il vantaggio che ha la squadra di Allegri a cui faccio i complimenti per il lavoro che sta facendo”. Così il tecnico della Lazio, Stefano Pioli, in conferenza stampa alla viglia della sfida contro la Juventus.
“Loro non penseranno alla partita con il Monaco, anche perché vengono dalla sconfitta di Parma. L’atteggiamento farà la differenza, dobbiamo giocare da Lazio, fare la partita, proporci, essere compatti e provare a colpire i nostri avversari a ogni occasione buona, non dobbiamo snaturarci. Servirà grande spirito, generosità e grande voglia, è una partita che arriva al momento giusto”.
“Siamo fortunati, facciamo il lavoro più bello del mondo, siamo un grande gruppo che ha messo in fila una bella striscia positiva, giochiamo contro la squadra più forte del campionato, di sera e con lo stadio pieno. Mi aspetto una grande partita. Mancheranno giocatori importanti come De Vrij, Parolo e Radu, ma il gruppo ha sempre risposto bene a ogni assenza e sono sicuro che sarà così anche domani. Marchetti? Sta bene, è indeciso se usare o meno la mascherina, ha grande determinazione e lo spirito giusto”.
“Credo che questo sia un anno importante per gettare le basi. Quello che stiamo facendo e la professionalità con cui stiamo lavorando, la qualità dei giocatori, sono tutte situazioni che ci stanno aiutando a raggiungere un ottimo livello, ma prima di parlare di scudetto di acqua sotto i ponti ne deve passare. Il campionato non è finito e neanche noi conosciamo il nostro pieno potenziale”.
Il tecnico della Lazio torna al ko interno dell’andata: “La Juve si dimostrò superiore, abbiamo perso nettamente dopo un buon primo tempo, adesso possiamo vedere se abbiamo diminuito questo gap e se possiamo avvicinarci alla squadra di Allegri. Quella dell’andata è stata una partita importante per il nostro percorso, in quell’occasione la troppa generosità e la voglia di imporci ci ha fatto perdere lucidità, non siamo sempre rimasti compatti, domani dovremo esserlo dal primo all’ultimo minuto, essere corti e stretti per giocarcela”.
(Foto LaPresse)
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.