7 dicembre 2016

Al Teatro Ghione, Caveman

Dopo 8 anni di successo nei più grandi teatri della Lombardia, Caveman è ormai un cult della scena teatrale ed è richiesto in tutta Italia. Dal 25 al 29 marzo è atteso il debutto romano nel prestigioso Teatro Ghione di Roma.

Non si ferma l’uomo delle caverne interpretato da Maurizio Colombi, erede italiano del personaggio ideato da Rob Becker, autore del testo originale che è frutto di attendi e profondi studi di antropologia, preistoria, psicologia, sociologia e mitologia.

Caveman è ormai Il più famoso spettacolo al mondo sul rapporto di coppia. Situazioni e comportamenti in cui ogni spettatore non può fare a meno di identificarsi, confrontarsi, ironizzare e divertirsi. Una coppia che – per una volta- riesce a guardarsi con gli occhi degli altri, cogliendo quelle sfumature che non esasperano il dialogo ma lo arricchiscono. Caveman è uno spettacolo per tutti: divertente e contagioso.

“Lo spettacolo è strepitoso… non si può perdere!

Maurizio Colombi si esibisce rivelandosi un attore comico irresistibile”.

Mario Luzzato Fegiz, Corriere della sera

Nato oltreoceano negli States, esportato in 30 paesi nel mondo, vanta oltre 10 milioni di spettatori. Ma è la versione italiana ad affermarsi nel 2013 come la migliore interpretazione nel mondo. Si tratta dell’unico format, a livello internazionale, con l’aggiunta della band. Milano conta fino ad oggi una cifra da record: 90.000 spettatori in 110 repliche.

Maurizio Colombi è maggiormente conosciuto come regista di musical, l’ultimo dei quali di grande successo: “Rapunzel” con Lorella Cuccarini (tra gli altri anche Peter Pan, We Will Rock You, I Promessi Sposi, La Divina Commedia), ed è alfiere in Italia dei family show.

Sei innamorato? Cerchi l’amore della tua vita? Sei stata lasciata? Non capisci il tuo fidanzato? Vuoi passare una serata romantica?

Caveman vi farà ridere, vi aiuterà a capirvi e ad essere più felici insieme.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.