10 dicembre 2016

Roma – Maccarrone: “Papa Francesco condanna i genocidi e dimentica le persecuzioni a omosessuali e transessuali.”

Ancora una volta papa Francesco, durante la sua udienza settimanale, ha pronunciato durissime parole sulla fantomatica teoria del gender,facendosi megafono di una fantasia costruita ad arte per propagandare omofobia, transfobia e odio” – ha dichiarato Andrea Maccarrone, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli.

“Colpisce” – prosegue Maccarrone – “ la radicale incoerenza di chi, a giorni alterni, condanna i genocidi senza mai essersi assunto laresponsabilità dei migliaia di massacri generati, nella storia, proprio dalle posizioni della Chiesa Cattolica. Delle persecuzioni che ancora oggi vengono perpetrate nei confronti di gay, lesbiche e trans col benestare del Vaticano, che ricordiamo aver recentemente espresso all’ONU la sua pesante posizione negativa sulla depenalizzazione dell’omosessualità”.

“È gravissima” – nota il presidente del Circolo Mario Mieli –  “la determinazione con la quale le parole del papa fomentano ancora una volta quei movimenti integralisti che hanno fatto bandiera della loro omofobia e transfobia. E appare piuttosto curioso che nell’ennesimo anatema alla nostra comunità e alle nostre rivendicazioni Francesco ci indichi come i  responsabili di un pericoloso annullamento delle diversità”.

Siamo da sempre ben consapevoli dell’importanza di valorizzare e diffondere capillarmente la cultura delle differenze. Da anni, fra i principali obiettivi  del nostro movimento, c’è anche quello di sradicare l’omofobia e la transfobia e di smontare ogni forma di bullismo sul nascere, attraverso interventi che portino nelle scuole il tema del rispetto di tutte le diversità. Degli interventi che finiscono puntualmente per essere osteggiati proprio da quei gruppi di estremisti che spargono odio sulla scia delle dichiarazioni delle alte gerarchie ecclesiastiche.

A contrastare la dichiarazione di Andrea Maccarrone è arrivata la nota del vice coordinatore regionale del Lazio di Forza Italia Giordano Tredicine: “Definire il Papa, in particolare questo Papa, ‘megafono per propagandare odio’, come ha fatto il presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, credo sia tra la prove più evidenti della debolezza dell’ideologia gender e degli argomenti di chi la sostiene. Una definizione orribile, oltre che ottusa, che offende centinaia di milioni di persone, etero ed omosessuali, che nel Papa riconoscono il vicario di Cristo”.