8 dicembre 2016

Roma – ATAC, spesa per la consulenza ridotta del 31% rispetto agli anni precedenti

Atac sottolinea che l’importo complessivo dei costi sostenuti per consulenze esterne nel 2014 è del 31% inferiore rispetto al medesimo dato del 2013, il quale risultava già a sua volta inferiore del 30% rispetto a quello registrato nel corso del 2012. Tutti i dati relativi alle prestazioni sono peraltro pubblicati on-line sul sito aziendale in modo da poter essere facilmente consultabili.

La spesa per consulenze inoltre, nell’ambito del progressivo contenimento dei costi previsti dal Piano Industriale, subirà un ulteriore decremento quest’anno, pur attestandosi già ben al di sotto dei limiti previsti dagli atti di indirizzo di Roma Capitale e contenuti nella Deliberazione di Giunta n. 70/2012.

Questo risultato è stato possibile, contrariamente a quanto sostenuto nell’articolo, soprattutto grazie allo sforzo di internalizzazione compiuto da Atac che ha notevolmente incrementato le attività della sua funzione legale aziendale. Nel corso del 2014, infatti, sono stati affidati all’Avvocatura Atac 814 procedimenti in sede civile, penale ed amministrativa, che portano ad un totale di 2.390 i contenziosi attualmente gestiti dalla struttura. A ciò si aggiungano i 177 pareri resi in favore delle strutture aziendali interne, 256 visti di legittimità apposti a proposte di provvedimenti e delibere degli organi societari e 108 verifiche di sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi per l’esercizio del diritto di accesso agli atti. L’internalizzazione ha comportato, nel 2014, risparmi sulle spese legali per oltre 350 mila euro rispetto al 2013.

Atac precisa inoltre che anche in occasione delle recenti operazioni di incorporazione delle società controllate ATAC Patrimonio ed OGR si è proceduto, in coerenza con la delineata internalizzazione delle attività legali, alla revoca degli incarichi affidati in precedenza a studi esterni.

In tale contesto, il ricorso a professionisti non aziendali si verifica in via assolutamente residuale, quando la peculiarità della materia richiede un supporto altamente specialistico, ovvero quando tale scelta è sorretta da motivi di opportunità.