4 dicembre 2016

Roma – Il peso dell’Europa, Maupal torna a parlare di politica

Dopo aver incollato un salvadanaio rotto sulla vetrina di una banca nel pieno centro di Bruxelles, l’artista engagé Mauro Pallotta torna a parlare di politica e di Europa con un’altra immagine forte: la signora Merkel accomodata su una poltrona fatta di corpi umani, completamente nuda eccetto per delle autoreggenti velate, e con un frustino in mano. Sotto di lei, i corpi inermi e chini di donne e uomini accovacciati a sorreggerne il peso, marchiati come mucche con bandierine nazionali. Si tratta di paesi dell’Unione: Francia, Spagna, Grecia ed Italia. Una scena ironica e forse quasi surrealista, se non fosse per quella tappezzeria iper-realistica alle sue spalle, che rievoca i gigli fiorentini e con essi forse anche l’atmosfera di consenso della politica renziana.

Con la consueta sintesi che caratterizza la brand new Pop art di Maupal, l’artista accende il sospetto che l’Europa stia perdendo quell’equilibrio democratico che caratterizzò le belle parole dei padri fondatori. Il tempo rende palese il vero carattere di ogni associato, e la crisi economica ha certamente fatto uscire allo scoperto la personalità dei paesi membri, esaltando i caratteri forti degli uni e annichilendo “le timidezze” degli altri. In questa battaglia fatta di spread, finanza ed economia, la“Signora Germania” si trova, imbattibile, a sedere, questa volta, al tavolo dei vincitori. Con il volto orgoglioso di chi ha già vinto, lo sguardo fisso di Frau Merkel è fiero di poter sottomettere e bacchettare maliziosamente gran parte dei Paesi europei. Peccato, però, che questi “impuniti” hanno una storia ed un’eredità socio-culturale profondamente diversa da quella tedesca; e nel compiere il gesto di porgere le terga ai vizi e alle virtù teutoniche, le voltano anche le spalle.

#Europe e altre opere inedite sono attualmente in mostra fino al 26 Aprile nella prestigiosa galleria Ca d’Oro a Rome (Via del Babuino, 53) per UAU – Urban Art Utopia .