8 dicembre 2016

Jaime Hayon e MINI presentano l’avveniristica installazione “Urban Perspectives”

MINI ha elaborato insieme al designer e artista spagnolo Jaime Hayon un progetto comune per il Salone del Mobile di quest’anno. Highlight della collaborazione è un’installazione ricca di significati che permette di toccare con mano, tramite la rappresentazione di un mondo di vita immaginario, le visioni personali di Jaime Hayon rispetto alla mobilità urbana di domani.

Attraverso l’installazione, visibile nel Laboratorio Bergognone, Jaime Hayon intraprende un viaggio nel futuro della mobilità. Al centro della realtà immaginaria si trova il MINI Citysurfer Concept, un versatile kick scooter elettrico che rende il movimento in città più libero, disinvolto e, per Jaime Hayon, più fantasioso.

Partendo dalle doti di mobilità del veicolo il designer ha interpretato il MINI Citysufer Concept e sviluppato in forma lungimirante la sua dimensione grafica. Con le due varianti da lui studiate, Hayon ci rende partecipi di un viaggio onirico attraverso una moderna metropoli.

Due nuovi look per il concept innovativo
Jaime Hayon ha messo per ben due volte la sua firma illustre sul MINI Citysurfer Concept: una delle due versioni assume un carattere artisticamente ludico e ricorda con le sue superfici la classica porcellana bianco-blu. Grazie a punti e linee grafiche in tonalità di colore intenso il Citysurfer Concept acquista una veste frizzante.

Anche il secondo scooter è realizzato con l’incisivo design di Hayon. Questa versione è un’interpretazione elegante e raffinata del concept ed è equipaggiata con materiali pregiati. Domina una combinazione di rame e tenui sfumature di verde, mentre le manopole in pelle, il metallo anodizzato e i dettagli in rame lucido conferiscono un look moderno ma carico di elementi classici. Entrambe le concezioni rispecchiano lo stile di Jaime Hayon che, con i suoi aspetti giocosi e la sua concentrazione su particolari combinazioni di colore, si esprime in maniera inconfondibile.

Giungla urbana come percezione estetica dello spazio
Partendo dal MINI Citysurfer Concept, Jaime Hayon ha concepito uno spazio che potesse rappresentare la giungla urbana: «Mobilità, per me, significa cambiamento e scoperta. Con la mia personale interpretazione volevo esplorare questo mondo itinerante», spiega Hayon. Le sue strade di marmo conducono alla meta immaginaria su colonne luminose blu. Al posto dei cartelli sono semplici punti, linee e superfici speculari a guidarci nel traffico. In questo percorso il semaforo classico lascia il posto a vivide luci ramate, trasformando la città in un campo giochi estetico.

Nel Laboratorio Bergognone l’installazione di Jaime Hayon trasmette una percezione dello spazio unica. “MINI rende vivi. Jaime Hayon ha compreso immediatamente la nostra identità e ci ha rapito nel cosmo del suo design ispiratore. L’installazione evidenzia la sua creatività davvero inesauribile e ci porta con sé in un viaggio pieno di fantasia“, afferma Anders Warming, responsabile del Design MINI.

Cambio di prospettiva. Connubio tra innovazione e tradizione
Alcuni accessori studiati appositamente per l’installazione simboleggiano la dimensione fantastica con cui il designer spagnolo si inoltra nel futuro della mobilità. Un casco, che assomiglia di più a una maschera che a un equipaggiamento protettivo, gioca con diverse prospettive Due modelli di giacca, anch’essi creati da Jaime Hayon e dotati di innumerevoli scomparti, divengono compagni inseparabili per la guida dinamica. Anche nella progettazione degli accessori Jaime Hayon ha scoperto nuove tecnologie e le ha implementate con materiali e tecniche artigianali tradizionali, come ad esempio quelle applicate nella produzione delle maschere veneziane.

Il design del MINI Citysurfer Concept è stato implementato in diretta collaborazione con il team di design coordinato da Anders Warming, responsabile del Design MINI e ulteriori dettagli sono realizzati in Italia da imprese artigiane specializzate. Hayon unisce in una forma avvincente elementi che sembrano opposti: high-tech e artigianato, innovazione e tradizione, carattere ludico e serietà la sua bravura era evidente anche durante l’intensa collaborazione con il team del Design MINI. «Jaime Hayon, con i suoi studi giocosi e inconfondibili, si è imposto sulla scena internazionale. Noi di MINI siamo entusiasti di come abbia reinventato la mobilità e, al tempo stesso, di come questo progetto puntualizzi con serietà i nostri valori fondamentali», riassume Anders Warming descrivendo la collaborazione con l‘artista.

Mobilità disinvolta. Il MINI Citysurfer Concept
Il MINI Citysurfer Concept, presentato al Los Angeles Auto Show 2014, rappresenta la mobilità versatile negli agglomerati urbani: lo scooter colma in modo confortevole, frizzante e al tempo stesso senza emissioni le lacune infrastrutturali delle grandi città moderne, spesso causa di perdite di tempo. Lo studio di un veicolo monopattino leggero e compatto, nello stile di un kick scooter, mostra le possibilità per giungere direttamente a destinazione senza essere intralciati dalle code e dalla scarsezza di parcheggi. Grazie al suo modesto peso di circa 18 chili (40 lbs) e alla sua costruzione pieghevole, lo scooter si può riporre senza difficoltà, ad esempio nel bagagliaio della nuova MINI a 5 porte.

Individual MINI program @ Laboratorio Bergognone
Per sei giorni nel Laboratorio Bergognone si svolgeranno diverse attività che accompagneranno l’installazione di Jaime Hayon. Gli operatori del mondo del design sono invitati a vivere l’esperienza di Urban Vibes all’interno del caffè “Latteria” durante workshop con ospiti internazionali e nel Popup-Store.

Indirizzo.

Jaime Hayon Urban Perspectives for MINI

Laboratorio Bergognone

Via Bergognone 26

20144 Milano

Orari di apertura.

14 –19 aprile 2015

Martedì                       ore 10.00 – 1.00

Mercoledì – sabato     ore 10.00 – 23.00

Domenica                   ore 10.00 – 18.30

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.