7 dicembre 2016

Fiumicino – Problema TARI nel nord del comune

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Tre giorni alla scadenza dell’incomprensibile anticipo sulla Tari, la nuova tassa sui rifiuti, e mezzo Comune (la parte a nord tanto per cambiare) non ha ancora ricevuto a casa i bollettini per effettuare il bonifico. Per la terza volta consecutiva metà Fiumicino sarà costretta a pagare la tassa sui rifiuti in ritardo. Per colpa di chi? Non certo nostra. E poco gratifica la replica dell’assessore all’ambiente Cini che ha già fatto sapere: ‘cari concittadini non ci sarà alcuna mora se pagherete in ritardo, l’anticipo è un’opportunità per la città’. Uno non c’è scritto da nessuna parte, né sul sito della Fiumicino Tributi né su quelle poche lettere arrivate a destinazione (in allegato scansione lettera). Due: opportunità per chi? E per che cosa? Per un servizio che continua a essere totalmente inefficiente?

Dopo due aumenti consecutivi sul servizio di raccolta rifiuti (+ 50 per cento in 12 mesi) e senza alcun tipo di miglioramento si chiede alla città di pagare in anticipo una tassa, senza sapere se ci saranno ulteriori ritocchi all’insù e senza ricevere alcun tipo di bollettino o comunicazione, e si spaccia tutto questo per un’opportunità? Ma ci vogliono prendere in giro?

Sono due anni che denunciamo lo stato di criticità in cui versa questo comune, con discariche ovunque, eternit abbandonato e mai rimosso, raccolta rifiuti a singhiozzo, con un porta a porta annunciato quattro volte in 24 mesi e mai partito e oggi ci tocca anche sorbirci la favoletta dell’opportunità?

Intanto tra spot, lanci stampa e dichiarazione le uniche cose certe sono che quest’anno la tassa sui rifiuti andrà pagata in anticipo senza sapere se ci saranno nuovi aumenti, il servizio da che se ne dica continua a essere balbettante e i bollettini per la terza volta consecutiva non sono ancora arrivati.

Intanto però l’amministrazione ha pensato bene di multare gli sporcaccioni che abbandonano i sacchetti per terra. Giustissimo. Ma quando inizierà a multare se stessa per la sua inefficienza? Secchioni pieni, rifiuti non raccolti e bollettini mai inviati. Chi risponde per questo?

[/quote]

Così in una nota Roberto Severini, presidente dell’ Associazione Crescere Insieme.