2 dicembre 2016

Testaccio – Identificati e arrestati gli autori di diverse rapine

Fatali sono state le loro ultime “imprese”. In cinque, armati di spranghe di ferro si sono avvicinati ad ignari passanti, e, dopo averli circondati e minacciati, si facevano consegnare denaro e telefono cellulare. Autori di queste rapine 5 giovani cittadini egiziani sottoposti a Fermo di Polizia Giudiziaria, dopo essere stati individuati la scorsa notte dagli agenti dei Commissariati Viminale e Celio e del Reparto Volanti.

In questa circostanza la Sala Operativa della Questura ha inviato le pattuglie in via Monte Testaccio dove un uomo ha riferito di essere stato rapinato da 5 uomini armati di spranghe. Nell’immediato tutte le Volanti intervenute effettuando una “battuta” della zona si sono messi alla ricerca dei malviventi in funzione anche delle descrizioni fornite dalla vittima; durante le ricerche un’altra persona ha fermato poco distante una pattuglia dicendo di aver subito anch’egli una rapina ad opera di 5 persone.

Proseguendo nel giro di controllo i poliziotti hanno notato in piazzale Ostiense 4 giovani somiglianti alle descrizioni fornite dalle vittime, e li hanno fermati. Perquisiti sono stati trovati in possesso di una considerevole somma di denaro contante del quale non erano in grado di fornire la provenienza.

Proseguendo nella ricerca del quinto autore delle rapine, i poliziotti hanno individuato un giovane – anch’egli egiziano – in piazza dei Cinquecento, il quale alla vista della Polizia ha cercato di fuggire. Inseguito è stato raggiunto e bloccato. Indosso gli agenti gli hanno trovato due telefoni cellulari e oltre 300 euro in contanti.

Tutti accompagnati negli uffici di Polizia sono stati identificati e sottoposti a Fermo, in quanto oltre alle 2 rapine commesse nella notte, è stata accertata anche la loro responsabilità per un’altra rapina; uno dei telefoni cellulari in loro possesso era infatti stato rapinato ad un’altra persona lo scorso 30 marzo.

Quattro di loro – tutti cittadini egiziani – dopo gli accertamenti di rito, sono stati accompagnati presso il carcere di Regina Coeli, mentre il quinto – minorenne – è stato portato all’Istituto Penitenziario Minorile di via Virginia Agnelli.

Sono in corso ulteriori indagini da parte degli investigatori del Commissariato Viminale per accertare se i fermati si siano resi responsabili di ulteriori fatti criminosi, con lo stesso modus operandi.

About Samantha Lombardi 4006 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it