4 dicembre 2016

A Ostuni crolla il soffitto su una classe di una scuola elementare: due feriti

Panico in una scuola di Ostuni: parte dell’intonaco, in una classe di seconda elementare del plesso ‘Enrico Pessina’ nel cuore della cittadina pugliese, e’ crollata durante le lezioni. Si tratta di un pezzo di intonaco di 4 centimetri di spessore e due metri di diametro.

Due gli alunni di seconda elementare colpiti dal crollo: uno ha riportato leggere escoriazioni, l’altro invece una ferita lacero-contusa del cuoio capelluto. I piccoli sono stati portati in ospedale e “gli accertamenti del caso hanno confermato che non c’e’ nulla di serio- ha detto all’agenzia DIRE Pasquale Del Prete, responsabile della sicurezza del plesso- L’importante e’ che tutto si sia risolto per il meglio”.Tanto e’ stato lo spavento determinato dall’episodio che, nel ‘fuggi fuggi’, anche un’insegnante e’ caduta ed e’ stata costretta ad andare al pronto soccorso per problemi ad una caviglia.

Subito dopo il crollo sono arrivati i Carabinieri e i Vigili del Fuoco, mentre il dirigente scolastico, Maria Mingolla, e’ stato convocato in commissariato per notificarle l’ordinanza di chiusura della scuola. Le Forze dell’Ordine, una volta sul posto, hanno deciso per l’evacuazione e la sospensione a tempo indeterminato delle lezioni.

“Speriamo che questa volta ci sia un controllo radicale per la stabilita’ dell’immobile- ha detto ancora Del Prete all’agenzia DIRE- Della volta precedente avevamo solo una dichiarazione del direttore dei lavori e dell’ingegnere comunale. Nessuna supervisione dei Vigili del Fuoco”. L’istituto era stato infatti chiuso per 4 anni per ristrutturazione, la scuola primaria e la scuola dell’infanzia erano state spostate in altro edificio: solo il 15 gennaio l’inaugurazione. “Forse il ritorno nell’edificio ristrutturato c’e’ stato troppo rapidamente”, cosi’ conclude in ultimo Del Prete.

“Crollo del soffitto scuola di Ostuni. I lavori erano appena finiti. Accerteremo le responsabilità e chi ha sbagliato pagherà” ha scritto su twitter Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione.

Duro il leader del M5S Beppe Grillo: “Crollato il pilone in Sicilia, crollata una strada in Sardegna, oggi crolla il soffito di una scuola sulla testa dei bambini che facevano lezione. Crolla tutto, ma aumentano le tasse” ha scritto sul suo blog mentre su twitter ha aggiunto: “I nostri figli non sono sicuri neppure a scuola. Terribile!”.

“Le condizioni spesso fatiscenti degli edifici scolastici hanno spinto questo Governo ad investire da un lato in risorse mirate ad interventi di riqualificazione- ha aggiunto Francesca Puglisi, responsabile Scuola della segreteria nazionale Pd- dall’altro dobbiamo semplificare le procedure di assegnazione degli appalti per mettere in sicurezza le scuole. Inoltre, è importante approvare velocemente il ddl sulla ‘Buona scuola’ perché anche lì sono contenuti provvedimenti efficaci per l’edilizia scolastica, soprattutto perché sono previsti i 40 milioni di euro necessari per le ispezioni di tutti i solai e controsoffitti degli istituti per una necessaria e quanto mai urgente opera di prevenzione”.

“La ‘buona scuola’ di Renzi? Crolla l’intonaco del soffitto della scuola elementare di Ostuni, inaugurata 4 mesi fa: due bimbi e una maestra in ospedale. Spero che qualcuno paghi, e che qualcuno si dimetta”. Così, invece, ha commentato su facebook Matteo Salvini, segretario della Lega Nord.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.