5 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Messa in liquidazione della Cisterna Ambiente SPA

L’opposizione abbandona l’aula e non vota. Cisterna Ambiente garantirà il servizio fino al 30 giugno, intanto si deciderà sul nuovo gestore

E’ partita la procedura per la messa in liquidazione della Cisterna Ambiente spa.
E’ questo quanto deciso al termine della seduta di Consiglio comunale svolta ieri a Cisterna di Latina.
L’incontro si è aperto alle ore 19 circa con la presentazione delle interrogazioni da parte dei consiglieri.
La prima è stata Maria Innamorato che ha chiesto spiegazioni su quali interventi saranno presi, in tema di viabilità, su viale Giovane Europa con l’ultimazione ed entrata in funzione della pista ciclabile. Quindi Marisa Di Lelio ha chiesto una maggiore sicurezza per i pedoni e gli automobilisti che transitano lungo via della Province, mentre Paolo Panfili ha sollecitato la verifica sui lavori di ripristino del manto stradale effettuato da Acqualatina dopo gli interventi di riparazione delle condotte di loro competenza.

Elisa Giorgi invece ha chiesto di conoscere tempi e modalità di realizzazione della sala prove musicali finanziato dalla Regione Lazio attraverso il Piano Locale Giovani; inoltre se l’amministrazione comunale avesse colto l’opportunità di finanziamento offerto dal bando “Mille cantieri” per la ristrutturazione delle palestre degli istituti scolastici. Su questo punto è intervenuto il Sindaco informando che i tempi di adesione al bando erano molto stretti e richiedevano un progetto già pronto oltre a un cospicuo finanziamento di cassa di cui il Comune attualmente non dispone.
Terminata la presentazione delle interrogazioni, il Presidente del Consiglio ha aperto la discussione dell’unico punto all’ordine del giorno: “Liquidazione Società Cisterna Ambiente spa: determinazioni”.
Ha illustrato l’argomento il Sindaco Della Penna ricordando che la società mista, dal 2001, è incaricata di provvedere alla gestione del servizio di raccolta dei rifiuti urbani ed è costituita per il 51% dal quote comunali, mentre il restante 49% è detenuto da due ditte private, l’Ama e la Cns.
Queste ultime, a seguito delle indagini giudiziarie note come “Mafia Capitale” che hanno interessato anche due rappresentanti delle ditte private in seno al consiglio di amministrazione della municipalizzata, si sono dimesse dall’incarico. Pertanto al Comune si prospettano due soluzioni: l’acquisto delle quote private, ma non possiede i fondi per farlo, oppure mettere la società in liquidazione. Una scelta, quest’ultima, dettata anche l’avvenuta scadenza del contratto – attualmente prorogato fino al 30 giugno – e dalla Legge 190/2014 (legge di stabilità per il 2015) che prevede la razionalizzazione e riduzione dei costi per le società a partecipazione pubblica.
Un intervento, peraltro, annunciato nel Piano operativo di razionalizzazione approvato all’unanimità nella recente seduta di Consiglio svolto il 31 marzo scorso.

La messa in liquidazione della Cisterna Ambiente non dovrà, ha sottolineato il Sindaco, mettere a rischio il futuro occupazionale dei lavoratori i quali dovranno essere assorbiti dalla ditta che subentrerà nella gestione del servizio.
Circa la scelta da attuare sul nuovo gestore, questa dovrà essere il frutto di un ampio confronto. Tre le opzioni offerte dalla normativa vigente: la gestione “in house” ovvero comunale, l’esternalizzazione ad una ditta privata per mezzo di gara europea, una nuova società mista con il socio privato scelto mediante gara di evidenza pubblica.
Unanime è stato il giudizio positivo sull’opera finora svolta dalla Cisterna Ambiente che ha sempre assicurato la puntuale gestione del servizio con spirito innovativo e propositivo soprattutto nell’ambito della raccolta differenziata, tanto da essere più volte presa a modello da altri enti ed esempio dalla stampa locale e nazionale, ma anche per l’oculata gestione economica.
Tuttavia l’opposizione ha contestato l’eccessiva fretta nel voler decidere sulla messa in liquidazione di una società in buona salute finanziaria ed efficiente soprattutto in assenza di documenti che potessero aiutare a valutare meglio tale scelta, ad esempio relazioni e bilancio 2014, e senza avere notizie certe su quale scelta l’amministrazione ha deciso per la futura gestione del servizio.
Per questi motivi, al termine della dichiarazione di voto, i consiglieri Del Prete, Giorgi, Innamorato, Merolla e Panfili hanno abbandonato l’aula, mentre Di Lelio si è astenuta.

Pertanto la delibera è stata approvata con il voto favorevole dei 16 consiglieri comunali di maggioranza.

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.