4 dicembre 2016

Magliana – Giallo nell’incendio del campo rom, trovato un corpo carbonizzato

Ieri mattina intorno alle 6:45 è divampato un incendio nel campo rom abusivo che si trova a ridosso del Tevere, al di sotto del viadotto della Magliana, nei pressi di via del Cappellaccio. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e Vigili Urbani, che per sicurezza hanno chiuso le strade contigue; l’incendio, che ha coinvolto 13 baracche, è stato domato nel giro di un paio d’ore.

In un primo momento sembrava che il rogo non avesse fatto vittime, invece, nel primo pomeriggio è stata fatta la macabra scoperta, quando, durante la bonifica dell’Ama, i carabinieri, arrivati sul posto per effettuare un sopralluogo, hanno individuato i resti carbonizzati di un uomo all’interno di una delle baracche.

Quel corpo appartiene ad un 27enne di origini romene, G.R.C., identificato grazie al riconoscimento fatto dai familiari che vivevano con lui nel campo rom.

Ancora incerte le cause che hanno  scatenato l’incendio, così come le modalità con le quali è avvenuta la morte del giovane. Sul caso indagano gli agenti del Commissariato Esposizione coordianti dal dottor Francesco Zerilli e quelli della Squadra Mobile. Sul posto anche il comandante della Polizia Locale di Roma Capitale Raffaele Clemente, l’assessora alle Politiche Sociali del Comune di Roma Francesca Danese, il presidente del Municipio IX Andrea Santoro e gli uomini della Polizia Scientifica. Una ventina le persone presenti al momento dell’incendio nel campo, tutte rimaste illese.

Dalle prime informazioni sembrerebbe che l’incendio si sia sviluppato da alcune candele rimaste accese nella baracca all’interno della quale poi è stato trovato il corpo del giovane romeno. In attesa di ulteriori riscontri gli investigatori non escludono comunque nessuna ipotesi. La morte sembrerebbe apparentemente compatibile con l’incendio, ma solo l’autopsia potrà stabilirne le cause esatte, resta infatti da comprendere se sia stato un incidente o se il giovane sia stato ucciso e poi dato alle fiamme. Resta inoltre da comprendere il motivo per il quale, quelli che lo hanno poi riconosciuto come un loro parente, non abbiano notato l’assenza del 27enne dopo lo spegnimento del rogo.

Il campo illegale di via del Cappellaccio è salito alla ribalta delle cronache cittadine decine di volte negli ultimi anni a causa di incendi, sgomberi e scoperte di attività illegali legate alla compravendita di materiale ferroso e metallico. Oggi la tragedia costata la vita ad un 27enne.

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it